Fra musica, libri e talenti vari

QuiIntervista | 20/5/2021

Lucia Rongioletti  nata e cresciuta in Puglia lavora a Merano ed è un una donna talentuosa: laurea in conservatorio, formazione in musicoterapia, attrice teatrale e pedagogista, e non per ultimo co-fondatrice insieme al suo compagno di una casa editrice indipendente, Formamentis, che le ha permesso di incontrare tanti talenti, soprattutto giovani. Ama i bambini e a loro dedica progetti educativi. 

La cosa che mi piace di me.
Credo di avere una buona ed economica dose di ironia e anche di autoironia. Serve a sopravvivere nell’accezione più elevata del termine.

Il mio principale difetto.
Non ricordo le date e i nomi.

La volta in cui sono stata più felice.
Lo sono stata molte volte, sempre per amore. Amoreper i miei figli e per Giuseppe Verdi. 

La persona che ammiro.
Ipazia di Alessandria, donna che non ha mai rinunciato alla sua autodeterminazione e alle sue passioni di carattere culturale, una donna innovatrice e colta che ha pagato con la vita le sue scelte. 

Un libro da portare sull’isola deserta.
”Nodi famigliari “di P. Bertrando.

Il paese dove vorrei vivere.
A Merano.

Il mio piatto preferito.
La pizza.

Non sopporto…
Sono molto sensibile alla prosodia vocale e non tollero in alcun modo, anzi detesto, le voci monotone prive di colori e temperatura umana.

La mia paura maggiore.
Ho molta paura che gli eventi mi possano cambiare, è un duro combattimento essere fedeli a se stessi.

Il mio motto.
Meglio un giorno da leone che cento da pecora.

Il giocattolo che ho amato di più.
Un peluche a forma di topo. 

I miei artisti preferiti.
Van Gogh, Giuseppe Verdi (compositore), Giuseppe Verdi (scrittore).

Il dono di natura che vorrei avere.
Sapere tutte le lingue del mondo per poter parlare con tutti.

La qualità che preferisco in una donna…
Intelligenza e cultura.

…e in un uomo?
Idem.

Dico bugie solo…
Dico le bugie solo quando non voglio andare in posti con persone che mi annoiano, ma visto l’anno di chiusura non ne ho detta neanche una.

Dove mi vedo fra dieci anni.
Fra libri, studio, musica e qualche viaggio.

Il colore che preferisco.
Amo il colore turchese. 

L’ultima volta che ho perso la calma.
L’ho persa con chi non sa e compensa con arroganza.

Autrice: Francesca Morrone

Rubriche

Editoriale

Ostinazioni ed abbagli

Siamo fatti per guardare avanti. Possiamo osservare dove poggiamo i nostri piedi, quello che sta ...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Modifiche alla servitù di passaggio

La vicenda oggetto di analisi riguarda il proprietario di un terreno il cui accesso è possibile a...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Senza Confini

Non c’è libertà senza responsabilità

Per capire quanto sia importante la vaccinazione per contenere il coronavirus e per limitarne le ...

Mostra altri
Senza Confini
Balconorto

E’ arrivato il letargo

Mi sono affezionata all’inverno perché sento che è vero, non come l’estate che vola via e sembra ...

Mostra altri
Balconorto
Te Ricordet... Laives

Laives e i suoi primi curati

Fino all’inizio del XVIII secolo, era un prete della parrocchia di Bolzano a prendersi cura delle...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Monumenti da Riscoprire

La targa dedicata alla figlia di Dostoevskij

Fresca di… ! È da pochi giorni, dal 10 novembre, che nel maestoso complesso del Grieserhof, nell’...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Storie senza ma: “Donne in Jazz” contro la violenza alle ...

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un gruppo di musicist...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

I Piduni di Felice

INGREDIENTI Per 8 persone:1 Kg farina 00110 g strutto270 ml acqua80 ml vino bianco secco10 g sale...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Santa Luis is coming to town

Cosa ci fa Luis Durnwalder travestito da Babbo Natale? “In una vera democrazia,” ha dichiarato “d...

Mostra altri
La satira