La città celebra il commercio equo solidale

Attualità | 16/5/2024

La Giornata Mondiale del Fair Trade, celebrata ogni secondo sabato di maggio, rappresenta un’importante occasione per porre sotto i riflettori le condizioni di vita e di lavoro di migliaia di persone in tutto il mondo. Uomini, donne e talvolta anche bambini, lottano strenuamente per guadagnare appena il necessario per sopravvivere. Questa giornata non solo celebra i traguardi raggiunti dal movimento del fair trade, ma solleva anche un’importante domanda: quanto resta ancora da fare per garantire giustizia e equità nei rapporti commerciali mondiali?

Il fair trade, sorto oltre cinquant’anni fa, si è costantemente impegnato nel miglioramendo delle condizioni di vita e di lavoro di produttori marginalizzati dal mercato e lavoratori, specialmente nel Sud del mondo, sostenendo i loro diritti e promuovendo la loro visibilità all’interno dei meccanismi del commercio internazionale. Questo movimento non si limita a una mera redistribuzione del guadagno, ma cerca di trasformare radicalmente il sistema, rendendolo più equo, solidale e sostenibile, per tutti i suoi attori.
Le organizzazioni del Fair Trade (Ftos – Fair Trade Organizations) che aderiscono a Wfto (WorldFairTradeOrganization), la federazione mondiale del commercio equo e solidale, sono coinvolte attivamente nell’assistenza tecnica ai produttori, nell’azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle istituzioni, e nello sviluppo di campagne volte al cambiamento delle regole e delle pratiche del commercio internazionale.

Da sei anni una  “fair trade town”

Dal 2018 Merano è “Fair Trade Town” selezionata proprio dalla Wfto e in quanto tale deve rispettare un codice di condotta condiviso. La città del Passirio, grazie al supporto e la collaborazione della Bottega del Mondo, da anni si impegna infatti a garantire ai piccoli produttori nel Sud del mondo un accesso diretto e sostenibile al mercato, al fine di favorire il passaggio dalla precarietà ad una situazione di autosufficienza economica e di rispetto dei diritti umani. Ma non solo, Merano è molto attiva sia a livello politico che culturale, organizzando diverse attività di promozione e sensibilizzazione del tema.

“Vogliamo spiegare alla cittadinanza in maniera trasparente tutta la filiera di quei prodotti che vengono importati da terre lontane, come il cacao o le banane. Siamo sicuri che molte persone quando acquistano il caffè al supermercato non sappiano da dove provenga e quali processi ci siano dietro” – afferma Brigitte Gritsch, coordinatrice delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige. 

In piazza per il dialogo e la condivisione

Proprio in occasione della giornata del commercio equo solidale, sabato 11 maggio, il cuore di piazza della Rena a Merano ha pulsato al ritmo del dialogo e della condivisione. Un aperitivo equo solidale ha aperto le sue porte a tutta la popolazione, offrendo non solo prelibatezze per il palato, ma anche spunti di riflessione e approfondimenti. L’evento, frutto della collaborazione tra la Bottega del Mondo di Merano, il Comune e gli studenti della Scuola Professionale Alberghiera Ritz, ha saputo cogliere l’essenza del fair trade mettendo in primo piano due protagonisti indiscussi: le banane e il cioccolato. 

Oltre a deliziare i presenti con le loro irresistibili note di gusto, questi prodotti hanno dato il via a un dialogo profondo e significativo.
Non si è trattato dunque solamente di una giornata di festa e buon cibo, ma di un’opportunità per confrontarsi sulle sfide e i successi del movimento del fair trade, approfondendo le peculiarità dei prodotti e i percorsi complessi che questi alimenti intraprendono prima di giungere sulle nostre tavole. È stato un momento prezioso di scambio, capace di sensibilizzare e ispirare, confermando che il commercio equo solidale non è solo un concetto astratto, ma una realtà tangibile che coinvolge e trasforma la vita di molte persone in tutto il mondo.

Tanti volontari per un’economia umana

L’evento proposto è solo un esempio delle tante attività che le Botteghe del Mondo dell’Alto Adige organizzano durante l’anno. 

La rete altoatesina comprende nove cooperative sociali che promuovono gli ideali del commercio equo e solidale nella provincia di Bolzano. Molti sono i volontari che ogni giorno si impegnano per dimostrare come un’economia umana può ancora esistere: un’economia dove l’uomo e la donna vivono in sintonia con sé stessi ed il mondo che li circonda.
“Le nostre botteghe non vogliono essere solamente dei meri punti di vendita, ma luoghi di dialogo e riflessione. Attraverso i nostri comportamenti di acquisto e le nostre scelte possiamo appoggiare un commercio che si basi sul rispetto delle persone che stanno alla base della filiera, contribuendo così a un mondo più sostenibile, equo e rispettoso” – conclude Brigitte Gritsch.  

Autrice: Chiara Caobelli

Rubriche

Editoriale

Orizzonti

Tre anni fa in questo spazio mi interrogavo in merito al nostro orizzonte, a partire dal racconto...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Don Flavio. La partecipazione “al cuore della democrazia”

Don Flavio Debertol si è spento mentre a Trieste si teneva la 50ma Settimana sociale dei cattolic...

Mostra altri
Senza Confini
La Scena Musicale

Philipp Burgger e le sue discutibili doti: furbizia e qua...

Dopo averlo inutilmente inseguito per anni con lo scopo di realizzare un’intervista, il nostro es...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

L’assonanza fra “polenta” e “Caldaro”

La storia, si sa, spesso si nasconde nelle parole. Una di queste è “Plent”, con la quale a Caldar...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra arte e storia

La difficile nascita della comunità evangelica in riva al...

La nascita di una chiesa e di una comunità evangelica fu notevolmente osteggiata dalla popolazion...

Mostra altri
Tra arte e storia
Vivere per l’arte

Tanja Iarussi: archetipi, miti, presenze

Sono davvero numerosi e assai coinvolgenti i nuclei tematici della ricerca artistica di Tanja Iar...

Mostra altri
Vivere per l’arte
Scorci del capoluogo

La via dedicata a Oswald von Wolkenstein

A collegare via Isarco e via Cappuccini vi è via Wolkenstein; è il nome  di una famiglia nobiliar...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
#qui_foodstories

Ravioli di barbabietola e caprino fresco

Ingredienti Per 4 persone Per la pasta2 – 3 barbabietole rosse400 g farina di frumento3 uov...

Mostra altri
#qui_foodstories