Il Sud nelle pennellate di Baldessarini

Attualità | 24/8/2023

Walter Baldessarini fu artista meranese dalla vivacità coloristica tutta mediterranea e dal cuore curioso che lo portò a viaggiare alla ricerca di quegli scorci e di quei paesaggi meridionali dove mare, promontori, vegetazione e luce si fondono. Dall’Italia, attraverso la Grecia e la Turchia, fino al Marocco, alla Spagna e al Portogallo, l’artista ha realizzato le sue opere en plein air.

Walter Baldessarini era nato a Merano, in piena epoca fascista, nel 1936. Era figlio degli antiquari Lina Klotz e Rinaldo Baldessarini dai quali ereditò la passione per la bellezza. Anche se inizialmente la strada tracciata doveva condurlo ad una vita dedicata alla musica, suonava infatti il pianoforte, a 16 anni decise che era invece l’arte la sua passione e si iscrisse alla scuola d’arte privata fondata nel 1915 da Minni Bosshard e Karl Blocherer a Monaco di Baviera. Nel 1955, vinta una borsa di studio, poté trasferirsi a Roma e frequentare le lezioni presso il “Centro sperimentale di cinematografia” dove approfondi costume e scenografia. Nella stessa città, accanto a questo istituto il giovane meranese frequentò anche l’Accademia di Belle Arti dove frequentò la classe di Mario Mafai, l’iniziatore della cerchia artistica conosciuta come Scuola di Via Cavour. Nel 1957 aveva partecipato alla mostra collettiva di costume e scenografia al Festival del Cinema di Venezia e ne fu premiato col “Ciak d’oro”. Per quanto riguardava invece il suo percorso artistico il giovane pittore fu influenzato sia dagli antichi maestri del Gotico e del Rinascimento, quanto da quegli artisti che avevano aderito all’espressionismo e alle sue declinazioni come quella della “Der Blaue Reiter” o “Die Brücke”.  Nel 1959 iniziò da Trapani la sua lunga esperienza espositiva che portò le sue tele in numerose città italiane ed europee. L’ultima delle sue mostre si tenne a Roma, nel 2022 presso la Fiera d’Arte Contemporanea Nuvola di Fuksas. I soggetti risentirono spesso della mitologia e della classicità che fecero capolino nelle sue tele attraverso tutte le sue fasi artistiche e financo alla maturità. La sua pennellata si era via via evoluta, diventando sempre più libera, ampia, materica, inserendo a tratti piccoli gesti di “frottage”, la tecnica cioè della raschiatura del colore riscoperta da Max Ernst.  La tavolozza era divenuta via via sempre più vivace con tonalità acriliche assai variegate e inaspettate. La luce calda, a volte abbacinante, invadeva gran parte delle tele e dei soggetti rappresentati, allontanandosi sempre più dal figurativismo per giungere ad un gestuale, astratto e bidimensionale.
Le sue tele sono conservate e fruibili presso l’Archivio Walter Baldessarini, curato dalla Galleria Denny Staschitz.

Autrice: Rosanna Pruccoli

Rubriche

Editoriale

Glaciazione

Una paio di settimane fa la Fondazione Nordest ha reso noto uno studio in grado di fotografare e ...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Genocidio e antisemitismo. Onestà nelle parole e nei fatti

Sentiamo tutti i giorni termini come genocidio e antisemitismo. Raramente sono usati a ragion ved...

Mostra altri
Senza Confini
Scorci del capoluogo

Lucia Frisch, la prima bolzanina citata

Nella zona industriale di Bolzano, ad un certo punto della lunga via Bruno Buozzi, dopo piazza Fi...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
La Scena Musicale

Destinazione AOAR, il viaggiointergalattico di Mirko Gioc...

Lo avevamo annunciato qualche settimana fa, occupandoci di Lila, il video singolo postato da Mirk...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

L’immigrazione trentina nell’Unterland

Unterland, territorio di confine tra due grandi aree linguistico-culturali, è da molto tempo sino...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra storia e architettura

Il concorso “la sposa d’Italia”: Tebe e Massimina protago...

Il concorso “la sposa d’Italia” vedeva giungere a Merano le diciotto finaliste che a Merano sareb...

Mostra altri
Tra storia e architettura
Vivere per l’arte

Giorgioppi

È alla potente lezione di Piero della Francesca, alla sezione aurea e alla sequenza di Fibonacci ...

Mostra altri
Vivere per l’arte
#qui_foodstories

Bicchierini pere e mascarpone

Ingredienti per 3 persone: 250 gr Mascarpone150 gr Panna da montare80 gr Zucchero a velo2 Pere Wi...

Mostra altri
#qui_foodstories
Balconorto

Il sole gioca a nascondino

Alzi la mano chi si aspettava una primavera così dinamica, baciata dalla pioggia e da temperature...

Mostra altri
Balconorto