In fuga dal nazismo, derubati dallo Stato

Attualità | 13/7/2023

I destini dei singoli possono spesso essere incredibili e le storie che vi si intrecciano assai affascinanti. Questa storia è suddivisa in varie tappe che si snodano dagli anni Trenta del Novecento fino ad oggi con l’arrivo in città di un giornalista americano deciso a cercare le tessere e ricomporre il mosaico della storia della propria famiglia.

Selma Landauer era la figlia del proprietario di una catena di centri commerciali che avevano varie sedi in Baviera, Julius Kaumheimer era un avvocato fiscalista che decise di lasciare la propria professione per entrare in società col suocero. Selma e Julius, sposati dal 1913 avevano quattro figli, Fritz, nato nel 1915, Hans, nato nel 1919, Ruth e Greta, gemelle nate nel 1926. Erano ben inseriti nella società benestante di Monaco di Baviera ma alla pubblicazione delle leggi di Norimberga nel 1935 la loro situazione si fece difficile come quella di migliaia di ebrei tedeschi. Nel 1936 Julius e Selma decisero di lasciare la Germania e nel 1937 approdarono a Merano che appariva un rifugio sicuro. Anche se i Kaumheimer erano una famiglia assimilata, con una frequentazione poco assidua della sinagoga, Julius iscrisse subito l’intera famiglia alla Comunità. Le due gemelle frequentarono la scuola tedesca delle Dame Inglesi, Hans si iscrisse alla scuola di Avviamento professionale in lingua italiana. Le gemelle e Hans portarono rispettivamente la divisa delle piccole italiane e degli avanguardisti, ma l’11 settembre 1938 furono pubblicate su tutte le testate giornalistiche le leggi antiebraiche italiane e per i Kaumheimer anche Merano divenne una potenziale trappola. Decisi ad espatriare il 2 febbraio 1939 ottennero la documentazione necessaria dal Consolato americano di Napoli e si apprestarono alla partenza che il 29 aprile li avrebbe visti salire sulla Zaandam diretta a New York. Inaspettatamente però una parte del loro bagaglio fu requisito dalla polizia doganale italiana. Di cosa si trattava? Per anni Julius aveva collezionato statuette di porcellana settecentesca di Meissen i pezzi erano 69 di varia grandezza. Orgoglioso ne aveva parlato al Sovrintendente alle Belle Arti della provincia di Bolzano e Trento Antonio Rusconi (1939 – 1949) da poco entrato in carica al posto di Giuseppe Gerola (1918 -1938). Egli decise di avvisare le dogane e far requisire la collezione che poco tempo dopo fu esposta nelle sale del Castello del Buon Consiglio. I Kaumheimer si imbarcarono verso quella terra che forse avrebbe potuto garantire loro libertà e soprattutto pari dignità, lasciandosi dietro le spalle il passato, l’agiatezza e la collezione di porcellana. Giunti a New York cambiarono il proprio cognome in Kay e iniziarono una nuova vita e imparando una nuova. Anni dopo, il dottor Federico Steinhaus, Presidente per molti anni della Comunità ebraica meranese, lottò per decenni affinché questo vero e proprio furto fosse restituito ai legittimi proprietari. Ci riuscì nel 2001 quando la Provincia Autonoma di Trento con deliberazione della Giunta n. 2563 del 5 ottobre 2001 restituì le porcellane a Hans e Greta Kay cittadini americani.

Il dettaglio

Robert Kay, giornalista e scrittore è in viaggio da due mesi, ha ripercorso l’Italia da Nord a sud seguendo il diario del proprio padre Hans, Giovanni, John Kaumheimer/Kay ufficiale addetto alla popolazione dell’esercito americano. Ha con se le foto di famiglia e i documenti e cerca di mettere insieme tutti i frammenti per dar vita ad un libro sulla storia di suo padre. A Merano ha cercato l’ultima residenza del padre e dei nonni, l’ha trovata in via Verdi e in Archivio ha cercato i documenti che era possibile reperire. Ha forografato quello che fu l’edificio scolastico del padre e delle zie. Ora attendiamo il suo libro.

Autrice: Rosanna Pruccoli

Rubriche

Editoriale

Glaciazione

Una paio di settimane fa la Fondazione Nordest ha reso noto uno studio in grado di fotografare e ...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Genocidio e antisemitismo. Onestà nelle parole e nei fatti

Sentiamo tutti i giorni termini come genocidio e antisemitismo. Raramente sono usati a ragion ved...

Mostra altri
Senza Confini
Scorci del capoluogo

Lucia Frisch, la prima bolzanina citata

Nella zona industriale di Bolzano, ad un certo punto della lunga via Bruno Buozzi, dopo piazza Fi...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
La Scena Musicale

Destinazione AOAR, il viaggiointergalattico di Mirko Gioc...

Lo avevamo annunciato qualche settimana fa, occupandoci di Lila, il video singolo postato da Mirk...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

L’immigrazione trentina nell’Unterland

Unterland, territorio di confine tra due grandi aree linguistico-culturali, è da molto tempo sino...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra storia e architettura

Il concorso “la sposa d’Italia”: Tebe e Massimina protago...

Il concorso “la sposa d’Italia” vedeva giungere a Merano le diciotto finaliste che a Merano sareb...

Mostra altri
Tra storia e architettura
Vivere per l’arte

Giorgioppi

È alla potente lezione di Piero della Francesca, alla sezione aurea e alla sequenza di Fibonacci ...

Mostra altri
Vivere per l’arte
#qui_foodstories

Bicchierini pere e mascarpone

Ingredienti per 3 persone: 250 gr Mascarpone150 gr Panna da montare80 gr Zucchero a velo2 Pere Wi...

Mostra altri
#qui_foodstories
Balconorto

Il sole gioca a nascondino

Alzi la mano chi si aspettava una primavera così dinamica, baciata dalla pioggia e da temperature...

Mostra altri
Balconorto