“Non dimenticate il nostro quartiere”

Attualità | 30/9/2021

“Il nostro quartiere ha bisogno di interventi di manutenzione, per non imboccare la china dell’abbandono e del degrado, e interventi strutturali al fine di far fronte alle nuove esigenze. È per questo che abbiamo inviato ai candidati sindaci alle elezioni comunali un programma relativo ad interventi da effettuarsi nel corso della prossima legislatura”. Non hanno perso tempo e si sono rimboccati (nuovamente) le maniche i membri del Comitato di quartiere di Piazza San Vigilio, si sono incontrati con i residenti e si sono rivolti a quelli che saranno gli amministratori della città, chiedendo loro di non dimenticarsi di questo rione. Progettato e costruito 45 anni fa, quello di piazza San Vigilio era considerato un quartiere residenziale moderno, all’avanguardia dal punto di vista architettonico, costituito da una trentina di edifici. Ma nel corso degli anni il quartiere ha cambiato fisionomia, e sono sorte nuove problematiche: “Se è importante investire in centro per garantire l’aspetto turistico di Merano – spiega il presidente Giancarlo Penasa – è nei quartieri che vive la maggior parte della popolazione e anche qui servono investimenti e realizzazioni”.
Sono cinque le proposte avanzate. La prima riguarda il cuore del quartiere: nonostante il nome, piazza San Vigilio non ha una piazza dove incontrarsi, che faciliti la reciproca conoscenza, il dialogo e il confronto fra i residenti, oltre che luogo per rafforzare l’identità del quartiere. Lo spazio che il Comitato propone è quello all’esterno del bar Patrizia, a fianco del piccolo parco giochi, sull’area in asfalto che sta in mezzo.
C’è poi la richiesta di creare una casa delle famiglie e del quartiere: di fronte al bar c’è attualmente un locale sfitto e degradato, ma che adeguatamente ristrutturato può essere utilizzatoa questo scopo: l’idea è di realizzare al piano terra uno spazio per bambini 0 – 6 anni, per i loro genitori e per tutte le famiglie, seguito da educatrici esperte e aperto ad eventi e iniziative anche nella piazza esterna, mentre nel piano sotterraneo una sala riunioni per tutto il quartiere. C’è poi il problema della manutenzione di alcuni vialetti; presentano infatti crepe o avvallamenti che sono già stati causa di cadute di persone anziane. E poi c’è la questione del parco giochi: in via Roma e in via Fornaio, l’utenza che utilizza il parco principale è notevolmente aumentata. Da una parte c’è la necessità di avere più spazio, dall’altra è molto sentito il bisogno di fissare delle regole di utilizzo che rispettino la quiete di chi abita vicino, trovando forme di prevenzione e dialogo con i gruppi di adolescenti e giovani che lo usano la sera (gruppo di lavoro con Polizia municipale, educatori Streetwokers, residenti e giovani).
L’ultima richiesta riguarda gli amici a quattro zampe: la necessità di un’area cani facilmente raggiungibile è molto sentita dagli abitanti. Sempre più famiglie e singoli abitanti nel quartiere hanno un cane in casa, ma nelle aree verdi attuali non è possibile lasciarli liberi di correre e giocare.

Rubriche

Editoriale

L’Euregio sanitario mancato

Negli ultimi 18 mesi l’emergenza legata al Coronavirus ha evidenziato come non mai l’importanza d...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Mediatore senza incarico e provvigione

Il mediatore, secondo il dettato dell’art. 1754 c.c., è il soggetto indipendente e imparziale che...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Cos’è lo Spid #2

Nell’ultimo numero della “città digitale”, abbiamo raccontato brevemente cosa sia il Sistema Pubb...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

Vaccini per tutti tra gli obiettivi per uno sviluppo sost...

Tra gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 elaborati dall’ONU e ratificati da...

Mostra altri
Senza Confini
Le Pietre di Merano

Due artisti, due epoche, due stili che hanno lasciato il ...

Anno 1480: Hans Schnatterpeck nativo di Vipiteno apre la sua bottega artistica a Merano ed assume...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Le Pietre di Bolzano

Fra presente e passato il complesso dell’ex Pascoli-Longon

È aperta fino al 13 novembre 2021 (ingresso libero) presso la galleria Arge Kunst di via Museo la...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Monumenti da Riscoprire

Il beato Arrigo

Bolzano-Treviso: c’è un forte legame tra le due città, come tra le due diocesi. Oltre ad avere, T...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Monika Callegaro e la bellezza della musica

Calca i palchi da ben cinquant’anni, ma anagraficamente non ne ha molti di più visto che ha comin...

Mostra altri
La Scena Musicale
La satira

Monumento alla Vittoria, wrapped, Bozen, 1946-2021

Il sogno di un ragazzino diventa realtà dopo ben 75 anni. “Impacchettare il monumento della Vitto...

Mostra altri
La satira