Tutto è possibile!

QuiIntervista | 24/2/2021

Nato a Bolzano nel 1981, dal 2008 è giornalista professionista. Per sei anni ha condotto Fussball Arena, trasmissione televisiva di calcio regionale che va in onda su RAI Südtirol. Nel 2017 ha iniziato a lavorare full time per l’agenzia stampa hkMedia da lui fondata nel 2007, che si occupa della comunicazione per diversi eventi e alcune società nel campo dello sport in Alto Adige.

La cosa che più mi piace di me stesso.
La mia determinazione.


Il mio principale difetto.
Spesso sono troppo impulsivo.


La volta in cui sono stato più felice.
Il giorno in cui sono nati i miei due figli, Sebastian e Ferdinand.


La volta in cui sono stato più infelice.
L’infelicità fa parte della nostra vita. Secondo me è fondamentale non farsi prendere troppo da questo sentimento negativo e guardare sempre avanti…


Da bambino sognavo di diventare…
Una guardia forestale o un veterinario.


L’errore che non rifarei.
Gli errori sono esperienza nella vita, fanno solo crescere.


La persona che ammiro di più.
Tutte le persone che si prendono cura dei malati e dei deboli.


Un libro da portare sull’isola deserta.
Siddharta di Hermann Hesse.


Il capriccio che non mi sono mai tolto.
Viaggiare per un lungo periodo nel mondo.


L’ultima volta che ho perso la calma.
Durante il primo lockdown, quando venivano cancellati eventi sportivi e svanirono le speranze per una ripresa. Oggi, un anno dopo, il mio lavoro lo sento un privilegio in tempi Covid. Questo anche grazie ai protocolli di sicurezza e ai test che vengono fatti prima e durante gli eventi.


La mia occupazione preferita.
Una sciata, un’uscita con l’e-bike o una corsa nelle montagne di casa.


I miei musicisti preferiti.
Blur, The Hives e The Kaiser Chiefs.


Del mio aspetto non mi piace…
I miei fianchi.


La qualità che preferisco in un uomo.
L’umorismo.


E in una donna.
L’eleganza.


Il giocattolo che ho amato di più.
Andavo pazzo per il LEGO. Un amore che ho passato ai miei figli…


Il mio motto.
Everything is possible: tutto è possibile!


Il mio primo ricordo.
Il giorno del mio 4°compleanno, seduto sulle ginocchia di mio nonno Oskar.


Il mio più grande rimorso.
Non essere andato a vivere o a studiare all’estero quando ero più giovane.


Nel mio frigorifero non mancano mai…
Un pezzo di speck, yogurt e una bottiglia di Franciacorta Ca’ del Bosco.

Rubriche

Editoriale

Saper vincere, perdere e… valorizzare lo spirito olimpico

Una breve riflessione sull’importanza di non distinguere mai tra sport di serie A e sport d...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Recesso e contratto di appalto

Nel contratto di appalto la legge, nello specifico l’art. 1671 c.c., prevede la possibilità di re...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Balconorto

Seed Vicious #1

Dopo un 2020 costellato di decreti, chiusure e lockdown finalmente torniamo a mettere la testa fu...

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

“Be the change you want to see in the world”

Una riflessione legata al Mandela Day 2021

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

Il quartiere di san Pietro

Diversi toponimi del nostro comune sono sopravvissuti per secoli, altri sono andati completamente...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Merano

Mamming: nei cuore di Steinach

Nel piazzale superiore del Duomo e più precisamente nella estremità occidentale dell’antichissimo...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Le Pietre di Bolzano

La fontana delle naiadi in Piazza del Tribunale

La strana storia della fontana in Piazza Tribunale a Bolzano

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Monumenti da Riscoprire

Sigismondo il danaroso e il suo castello

Qual è l’origine del nome Sigmundskron?

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Sonx 2021: ecco Liederszene 2.0

La nuova iniziativa di Liederszene

Mostra altri
La Scena Musicale
La satira

Raffaella Carrà

Storie dal multiverso Esistono infiniti universi paralleli dove le cose non sono del tutto come n...

Mostra altri
La satira