Arte, cultura e musei

QuiIntervista | 27/6/2024

Qui Intervista a Nicole Abler. È giovanissima ma è già assai nota in tutta la provincia. Per la sua formazione ha ottenuto il bachelor in storia dell’arte presso l’Università di Vienna, la laurea magistrale in Cultural Management presso la facoltà di economia all’Università di Bologna e l’Exchange Program “Culture, Policy and Management” presso la City University di Londra. 

La cosa che mi piace di me.

La mia energia ed autenticità.

Il mio principale difetto.

La mia impazienza.

Il mio momento più felice.

Il Natale da bambina con i miei genitori e i nonni, seduti insieme ad un tavolo, ridendo e scherzando.

La persona che ammiro di più.

Mia mamma, la mia eroina, perché è sempre al mio fianco e mi dà forza in ogni momento della mia vita.

Un libro sull’isola deserta.

“It’s not how good you are, it’s how good you want to be” di Paul Arden.

La mia occupazione preferita.

Fare la curatrice storico artistica.

Il mio piatto preferito.

Spaghetti allo scoglio.

Non sopporto…

Le persone false.

Per un giorno vorrei essere…

Michelle Obama, donna intelligente, dal carattere forte e con stile.

La mia paura maggiore.

La solitudine.

Nel mio frigo non manca mai…

Una bottiglia di vino bianco.

Se fossi un animale sarei…

Un’aquila.

Mi sono sentita orgogliosa…

Alla mia festa di laurea: la mia famiglia stava applaudendo, mentre i professori mi consegnavano il diploma.

Il mio motto.

Punta sempre alla luna, male che vada avrai camminato fra le stelle.

Il capriccio che non mi sono mai tolta.

Il dolce dopo cena.

Il giocattolo che ho amato di più.

Il coniglietto che mi hanno regalato alla mia nascita.

Il dono di natura che vorrei.

La spensieratezza.

Non sopporto…

L’egocentrismo.

Dico bugie solo…

Quando la verità farebbe troppo male.

Dove mi vedo fra dieci anni.

Felice ed orgogliosa, avendo realizzato alcuni sogni ed obiettivi.

Il colore che preferisco.

Il rosso, forte e luminoso.

L’ultima volta che ho perso la calma.

Ieri, ma ho cercato di non farlo notare.

Da bambina sognavo…

Di diventare attrice e vincere l’Oscar a Hollywood.

Autrice: Rosanna Pruccoli

Rubriche

Editoriale

Orizzonti

Tre anni fa in questo spazio mi interrogavo in merito al nostro orizzonte, a partire dal racconto...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Don Flavio. La partecipazione “al cuore della democrazia”

Don Flavio Debertol si è spento mentre a Trieste si teneva la 50ma Settimana sociale dei cattolic...

Mostra altri
Senza Confini
La Scena Musicale

Philipp Burgger e le sue discutibili doti: furbizia e qua...

Dopo averlo inutilmente inseguito per anni con lo scopo di realizzare un’intervista, il nostro es...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

L’assonanza fra “polenta” e “Caldaro”

La storia, si sa, spesso si nasconde nelle parole. Una di queste è “Plent”, con la quale a Caldar...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra arte e storia

La difficile nascita della comunità evangelica in riva al...

La nascita di una chiesa e di una comunità evangelica fu notevolmente osteggiata dalla popolazion...

Mostra altri
Tra arte e storia
Vivere per l’arte

Tanja Iarussi: archetipi, miti, presenze

Sono davvero numerosi e assai coinvolgenti i nuclei tematici della ricerca artistica di Tanja Iar...

Mostra altri
Vivere per l’arte
Scorci del capoluogo

La via dedicata a Oswald von Wolkenstein

A collegare via Isarco e via Cappuccini vi è via Wolkenstein; è il nome  di una famiglia nobiliar...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
#qui_foodstories

Ravioli di barbabietola e caprino fresco

Ingredienti Per 4 persone Per la pasta2 – 3 barbabietole rosse400 g farina di frumento3 uov...

Mostra altri
#qui_foodstories