Passione cultura

QuiIntervista | 24/3/2022

QuiIntervista a Paola Giacomozzi, nata e cresciuta a Egna e che ha studiato al D.A.M.S. di Bologna e a Brema, per tornare poi nel paese natale con la famiglia. Ha lavorato in diversi musei della regione come guida, mediatrice d’arte, e operatrice didattica; da settembre scorso è insegnante di sostegno presso la Scuola Professionale “Guglielmo Marconi” di Merano. È molto attiva nel volontariato e collabora sia il FAI che con l’associazione Ennemase, oltre ad offrire visite guidate attraverso le bellezze di Egna.

La cosa che mi piace di più di me stessa.
Il mio essere autentica.

Il mio principale difetto.
Sono molto caotica e disordinata.

La volta che sono stata più felice.
Quando, dopo averlo desiderato a lungo, sono rimasta incinta.

La volta che sono stata più infelice.
Quando è venuto a mancare il mio papà nel 2005.

Da bambina sognavo di diventare…
Una stilista oppure una veterinaria. 

L’errore che non rifarei.
Dare fiducia e amicizia a persone che non lo meritavano affatto.

La persona che ammiro di più.
Ammiravo moltissimo il mio papà, Giovanni, che è stato un punto di riferimento per Egna. Mi ha insegnato che bisogna scegliersi un mestiere che piaccia.

Un libro da portare sull’isola deserta.
Tutti i libri di Stefano Benni e di Daniel Pennac, così almeno potrei ridere un po’.

La mia occupazione preferita.
Cucinare, giocare con mia figlia, rilassarmi guardando programmi tv frivoli, andare per centri storici e trattorie.

Il Paese/luogo dove vorrei vivere.
Mi piacerebbe vivere un periodo della mia vita in Giappone (ma ho il terrore dei terremoti).

Il colore che preferisco.
Il rosso papavero.

Il fiore che amo.
La peonia.

Il mio piatto preferito.
Sono una gran mangiona e ho tanti piatti preferiti!

Il mio pittore preferito.
Ne ho molti, tra cui Ernst Ludwig Kirchner, Agust Macke e Emil Nolde. Tra i contemporanei Marina Abramovic e Francesco Vezzoli.

Non sopporto…
Le persone prepotenti, supponenti e presuntuose, che pensano di sapere tutto.

Dico bugie solo…
Se sono costretta, a fin di bene, ma detesto doverlo fare.

La mia paura.
Visti gli avvenimenti delle ultime settimane: la guerra.

La disgrazia più grande.
La malattia grave.

Il mio più grande rimpianto.
Aver perso la possibilità di lavorare a “Manifesta 8” perché la mia mail di candidatura non è arrivata.

Per un giorno vorrei essere…
Una persona molto potente, solo per vedere l’effetto che fa.

Mi sono sentita orgogliosa di me stessa quando…
Il giorno della mia Laurea.

Rubriche

Editoriale

Votate!

Vi invito a leggere a pag. 11 il commento scritto da Paolo Valente per la rubrica “Senza Confini”...

Mostra altri
Editoriale
Balconorto

La zucca #1

Prima di fare un focus su una varietà di zucca in particolare alla quale sono molto affezionato, ...

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

L’autonomia degli uni… “SENZA” gli altri

Con una cerimonia al Kurhaus di Merano sono stati ricordati – nella Giornata dell’autonomia del 5...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La storia della gallina rapita

La cosiddetta “Dekadenz” viennese, ossia il lento ma inesorabile declino della monarc...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Thöni: l’uomo, prima del mito

Gustav Thöni. Dentro e fuoripistaAutore: J. Christian Rainer Presenta molti motivi di interesse l...

Mostra altri
Libri
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano il ricordo di Albin Egger-Lienz

Via Egger-Lienz: la via tra il convento Muri-Gries e il Palazzo Ducale, che dal 1880 era denomina...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Un pugno di colonne sonore per la Merano Pop Symphony Orc...

A Ferragosto la Merano Pop Symphony Orchestra ha presentato nella sua città d’elezione con un con...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Pesche e yogurt

INGREDIENTI 250 g yogurt bianco naturale o alla pesca,200 ml panna fresca liquida,700 g pesche,60...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Mummie

Più di mille mummie, provenienti da ogni angolo del pianeta e richiamate dal 10° congresso mondia...

Mostra altri
La satira