Tre giorni per parlare di Europa

Attualità | 20/5/2021

Sono state tre le ragazze premiate dal Südtiroler Künstlerbund e dal Consiglio Provinciale di Bolzano per aver vinto il “concorso Europa” avendo elaborato tre diverse opere letterarie in vista della Festa dell’Europa che, ogni anno, si celebra il 9 maggio in ricordo della Dichiarazione di Schuman.

Riprendendo il concetto del poeta russo Joseph Brodsky, secondo cui “i Parlamenti funzionerebbero in tutt’altro modo se prima di ogni seduta si recitasse una poesia”, gli organizzatori del concorso hanno dato l’opportunità alle autrici di leggere i propri testi prima dell’inizio delle tre riunioni del Consiglio Provinciale avvenute tra l’11 e il 13 maggio.

Il testo di Caneve
Elisa Caneve – giovane bolzanina di 26 anni laureata in lettere e attualmente insegnante di italiano in una scuola media di Pedavena, a Belluno, ha presentato al concorso una sua opera, dal titolo “L’Europa è il suo orizzonte”, tratta da alcune esperienze realmente vissute, che è stata premiata dalla giuria composta da Ferruccio Delle Cave, Katrin Klotz e Ingrid Runggaldier. “Ho avuto molte opportunità per viaggiare all’interno dell’Unione Europea, dall’Erasmus ad alcuni progetti educativi, attraversando così molte periferie europee. Significative per la scrittura del mio testo sono state anche le esperienze vissute con dei ragazzi con background migratorio – racconta Elisa Caneve – queste mi hanno portato a riflettere sul valore del concetto di cittadinanza”.
La possibilità di raccontare davanti al mondo politico il momento vissuto durante il progetto ‘Promemoria Auschwitz’ e la propria esperienza come educatrice, è stata per Elisa l’occasione di dare un messaggio a chi, quotidianamente, si interroga e prende decisioni sui temi con i quali si interfaccia in prima persona. Ed è in questo momento che, come ricordava Brodsky, la letteratura acquisisce un ruolo fondamentale: “la parola è uno dei linguaggi più potenti che abbiamo per riflettere ed esprimerci. Tutti i testi di letteratura possono aiutarci a riflettere, anche quelli che non condividiamo, ed è proprio davanti a questi ultimi che dobbiamo porci in maniera critica per crescere come persone e come cittadini. Nel mio testo ho voluto dire tante cose – spiega Caneve – tra i temi ci sono i legami con il passato e i suoi insegnamenti, il concetto di cittadinanza e una riflessione sullo ‘ius soli’ che ho inserito attraverso un episodio vissuto con un ragazzo che aiutavo a fare i compiti, infine il ruolo dell’insegnamento e l’influenza che può avere sugli studenti”.

Credere nel modello europeo
“Faccio parte di quella generazione che può avvalersi dei vantaggi dell’Unione Europea, ad esempio muovendosi liberamente, praticandoli quasi con ovvietà. Il concetto di Europa va valorizzato nella sua fragilità, anche quando si colpevolizza o sottovaluta. Per questo è importante continuare a fare scambi, conoscersi e creare un sentimento europeo, nonostante le diverse problematiche che porta con sé. È proprio per affrontare queste ultime che dobbiamo continuare a credere nel modello europeo” ha concluso Caneve.

Autore: Andrea Dalla Serra

Rubriche

Editoriale

Festività

Siamo reduci da mesi di festività non condivise. La festa dell’autonomia potrà unirci tutti?

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

La polizza decennale postuma

Come funziona questa particolare polizza assicurativa? Ce lo spiega l’avvocato Massimo Mira.

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Balconorto

Peronospora #2

Seconda puntata di Balconorto dedicata alla malattia delle piante denominata Peronospora.

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

Giornata del rifugiato: “Insieme possiamo fare la differe...

Paolo Bill Valente riflette sul dramma dei rifugiati in occasione della giornata mondiale.

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

Sant’Antonio, l’antica cittadella sacra di Laives

Reinhard Christanell ripercorre ancora una volte il passato remoto di Laives.

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Merano

La città della Belle Epoque si riflette nel ponte della P...

Otto ponti attraversano il Passirio, nella città di Merano. Fra queste otto strutture a più campa...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Monumenti da Riscoprire

To mask or not to mask?

È un dilemma, in questo tempo di pandemia, che si pongono molti. Ma vi è chi non se lo pone, per ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Bolzanini collezionabili

Ci sono anche alcuni vinili “locali” tra i pezzi più ricercati da coloro che per passione amano c...

Mostra altri
La Scena Musicale
Le Pietre di Bolzano

Bolzano città dell’acqua: rogge e fontane in epoca antica

Ai più sarà capitata sottomano  un’immagine indelebile della Bolzano antica, raffigurante le donn...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
La satira

Robert Linkshändige

Storie dal Multiverso Esistono infiniti universi paralleli dove le cose non sono del tutto come n...

Mostra altri
La satira