Angelo, il barbiere che cura le radici

Attualità | 11/3/2021

A Don Bosco c’è un barbiere che non si occupa solo di capelli e barbe, ma che ha a cuore le radici di chi, come lui, si è trasferito molti anni fa a Bolzano, lasciando la propria terra d’origine. Lui è Angelo Costanzo e la sua storia è composta da fotografie e album ritrovati tra le mura di casa: non solo di casa sua. Ma facciamo un passo indietro…

Angelo nasce in Calabria, le sue radici sono a Platania, paese in provincia di Catanzaro, a pochi chilometri dal mare. Si trasferisce in giovane età a Bolzano, con la famiglia, città del nord circondata da montagne: un mondo tutto diverso per lui, ma ricco di opportunità. Angelo studia e inizia presto a lavorare come assistente a bottega, per imparare il mestiere del barbiere, che adesso svolge da quarant’anni. Passano gli anni e i genitori di Angelo, che avevano venduto la casa a Platania per trasferirsi al nord, riescono a riacquistarla. è una grande soddisfazione poter tornare in paese senza farsi ospitare da amici e parenti, e ritrovare uno spazio proprio, dove poter passare le vacanze estive e sentire il profumo delle “cose di casa”. Alcuni anni dopo, i genitori di Angelo vengono a mancare ed è proprio davanti a questo cambiamento, a questa “perdita delle radici”, che in lui scatta qualcosa. Nel 2012, un giorno di novembre, crea un gruppo pubblico su Facebook: Platanesi nel mondo – Platanesi in the World. Già il giorno dopo essere nato, il gruppo ha più di mille iscritti, e nel tempo continuano a crescere. Creando una piazza digitale e sfruttando il grande potenziale dei social, Angelo ravviva una rete relazionale che già esisteva, fatta di ricordi e tradizioni che la migrazione aveva appannato. Da lì, le estati di Angelo diventano una ricerca, un tuffo nel passato e nelle storie di compaesani, partiti da Platania e a volte mai più tornati: trasferiti nel nord Italia, in altre zone d’Europa, nelle Americhe: insomma sparsi per tutto il mondo.  


È un viaggio che lo porta a recuperare fotografie, a conoscere posti lontanissimi dove però è stato portato un pezzetto della sua terra. Sono momenti emozionanti per lui e per le persone che ritrova, memorie storiche del suo paese, storie d’infanzia e aneddoti che raccoglie e condivide.  
Intanto, tornato a Bolzano organizza, con il gruppo “Platanesi nel mondo”, incontri in cui ci si scambia storie e si rinnovano tradizioni, soprattutto mangiando i prodotti tipici calabri. Uno degli incontri più numerosi si è tenuto qualche anno fa a Verona: “Un momento davvero emozionante, c’erano persone che venivano da tutta Italia, che avevo conosciuto da bambino e ho ritrovato adulte, persone che non vedevo da moltissimi anni”, racconta Angelo. 
Ora, con l’emergenza sanitaria in corso, questi incontri non sono possibili, ma grazie al gruppo online ci si continua a scambiare fotografie in bianco e nero, scatti rubati alle cucine che mettono l’acquolina e, in un momento così difficile, soprattutto si mantengono i contatti. “Mi piacerebbe riproporre un momento così qui, nel quartiere, che già ospita una grande comunità calabra”, conclude Angelo. “Un evento aperto a tutti, per raccontare e condividere le nostre tradizioni e la nostra memoria”. Da quasi trent’anni Angelo, oltre al look degli abitanti di Don Bosco, cura le relazioni e, assieme a queste, le loro radici. 

Autore: Redazione COOLtour

Rubriche

Editoriale

L’ultimo chilometro

Siamo in un’epoca in cui facciamo sempre più fatica a parlare di futuro. Molte sono infatti le in...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Assegno unico per i figli: è legge

È stata approvata il 30 marzo la Legge che prevede l’assegno unico e universale per i figli: dal ...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Algoritmi e passi predefiniti

Nello scorso numero abbiamo parlato di cosa sono gli algoritmi, soffermandoci su un aspetto centr...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

“Non neghiamo ai nostri ragazzi presente e futuro”

Il tempo del Covid sarà ricordato a lungo da tutti e in modo particolare da coloro che hanno subi...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La chiesetta di San Pietro

Simbolo della città, tanto da apparire nello stemma comunale, la chiesetta di San Pietro – chiama...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Bolzano

La Via Crucis sul Monte Calvario del Virgolo a Bolzano

In tutta l’Europa cattolica, fra il XVII e il XVIII secolo, vennero istituite le Vie Crucis per r...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Le Pietre di Merano

Un superarchitetto per creare l’ippodromo più importante ...

Per più di un secolo il nome di Merano in tutto il mondo è stato associato, per molti, al suo ipp...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Monumenti da Riscoprire

La scultura di via Einstein

Segno dell’impegno del Comune di Bolzano anche per far apprezzare l’opera di artisti, locali e no...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

La Spritz Band e il suo doppio

Andrea Maffei e la sua Spritz Band non se sono stati con le mani in mano e hanno pubblicato nelle...

Mostra altri
La Scena Musicale