Un sogno a nuvolette

Attualità | 7/9/2023

Negli anni Marco Ribetto ha ridisegnato le copertine di tanti fumetti classici, ma il suo cuore è per “Tex Willer”.

Com’è nato questo interesse per i fumetti?

Il mio primo lavoro è stato in un’edicola di giornale, avevo tredici anni, i fumetti e giornalini mi hanno sempre attirato. La mia passione è sempre stata quella di disegnare, quando non avevo più niente da leggere, già allora avevo iniziato a copiare e ridisegnare le copertine o delle scene. Poi ultimamente stando a casa cerco online i fumetti della mia infanzia e continuo a riprodurli a mano.

Cosa utilizza per ridisegnare le copertine?

Matita con i pennarelli, sono la cosa più veloce. Ho anche provato con la china, e in passato avevo già fatto dei lavoretti di pittura con l’acrilico e le tempere, ma per i fumetti ho sempre usato i pennarelli.

Quanto tempo richiedono i disegni?

Divido il lavoro nei giorni, ma se mi dovessi dedicare tutto il tempo per una copertina, direi che forse una giornata intera mi serve. In quanto alla tecnica non ho propriamente una mano esperta, e non riuscendo a fare certi lineamenti mi adopero con il righello e prendo le misure, poi faccio il disegno. Prima con la matita, poi con un pennarello leggero, dopo con quello nero, poi quello più scuro e infine con i colori, quindi lo ripasso tre o quattro volte.

C’è un fumetto in particolare che disegna?

Di quegli anni lì disegno l’Intrepido, Il Monello, Capitan Miki, Il Grande Blek, Akim, noi ragazzi fantasticavamo molto su questi personaggi. Poi alcuni fumetti umoristici: la Nonna Abelarda, Soldino, Kikkirikiller. Ho anche fatto qualche caricatura. Gli stili dei disegni mi piacciono un po’ tutti, ma ritorno sempre ai personaggi dei fumetti, tra cui Tex, del quale ho un’ampia collezione.

Quanto ampia è questa collezione dei Tex?

Ho tutta la collezione, purtroppo non ho gli originali, i primi numeri. Però fino ad adesso sono 754, e li ho tutti 754.

Da cosa è partita l’idea di collezionarli?

Tex o leggevo sempre da ragazzo, non avevo modo di collezionarli perché li leggevo lì in edicola. Poi ho iniziato a collezionarli intorno al 1968, per poi prenderli anche in blocco, con l’aiuto di mia moglie.

Ha mai esposto le sue riproduzioni?

No, ed è sempre stato un mio piccolo sogno nel cassetto. Il nove settembre al “Festival dei sogni e del fumetto” sarò presente anch’io con i miei disegni e visto che il Festival tratta anche il tema del sogno, in quell’occasione realizzerò il mio! 

Autrice: Ilaria Talamoni COOLtour

Rubriche

Editoriale

Verde pubblico e verde privato

Com’è noto i patrimoni naturali più importanti di cui godiamo nel nostro territorio alpino sono d...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Responsabilità globale multilaterale autorevole cercasi

Il 24 febbraio sono due anni di guerra in Ucraina. Quindici giorni dopo saranno cinque mesi dal r...

Mostra altri
Senza Confini
Scorci del capoluogo

La via dedicata al principe Eugenio 

Casa Savoia, una tra le più antiche dinastie d’Europa, è oggetto d’attenzione in questi giorni, c...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
La Scena Musicale

Cantanapoli: Napoli con lo Spritz!

Parafrasare il tipico incipit di molte canzoni dell’immenso Renato Carosone ci pare il modo migli...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

Le vecchie strade della Bassa Atesina

Tutte le strade portano a Roma, si diceva un tempo. Forse era un’esagerazione ma è un dato di fat...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra storia e architettura

Pubblicare un libro ad undici anni: Siegfried, il nipote ...

“Caro Walt, siccome la tua famiglia sembra occupata in attività culturali e altro, perché non tra...

Mostra altri
Tra storia e architettura
Vivere per l’arte

Eva Thaler Pixner: essenza della materia e fascino delle ...

Nata in una famiglia creativa Eva inizia presto a muoversi fra carta, matite e pennelli. Per molt...

Mostra altri
Vivere per l’arte
La satira

La musica che… “unisce”

Nel prossimo tour estivo, grazie all’intelligenza artificiale, Philipp Burger duetterà con il suo...

Mostra altri
La satira
Balconorto

Il letargo dell’inverno

Febbraio è ancora ostaggio dell’alta pressione subtropicale. Specialmente in quota, ma pure nei f...

Mostra altri
Balconorto