Spazio 77: un luogo davvero particolare

Attualità | 22/9/2022

Matteo De Checchi, insegnante e attivista, è anche uno dei referenti dello Spazio 77, un luogo di cittadinanza attiva in Via Dalmazia e ci spiega in cosa consiste questo progetto.

Quando è nato lo Spazio 77 e perché?

Lo Spazio è stato ufficialmente inaugurato nel gennaio del 2019. L’idea era, ed è ancora adesso, quella di creare uno spazio sociale in un quartiere con moltissime difficoltà. Volevamo, inoltre, costruire un luogo che potesse coinvolgere una serie di associazioni, realtà e reti che si rispecchiassero nei nostri valori: quelli dell’antifascismo, dell’antirazzismo e dell’antisessimo. Lo zoccolo duro del progetto è formato da una quindicina di individui e intorno a loro girano quaranta o cinquanta persone che supportano l’iniziativa. Lo Spazio è indipendente, non riceve quindi contributi, ma viene sostenuto dai singoli che possono mettere una quota individuale a scelta.

Quali sono le attività che organizzate? 

Una delle attività in corso è la ciclo officina. Una volta a settimana è possibile venire al 77 e sistemare la bicicletta gratuitamente. Un’altra attività è quella di raccogliere materiale scolastico e darlo alle famiglie che non sono riuscite, per problemi finanziari, a comprare il materiale ai loro figli. Abbiamo uno sportello tecnologico dove aiutiamo a scrivere il curriculum e ad avviare al lavoro chi lo richiede. C’è anche uno sportello legale dove l’avvocato Nicola Ponzi spiega in quali uffici andare a seconda della necessità del richiedente e pubblicizza il patrocinio gratuito, cioè il diritto di avere l’avvocato gratuito in Italia. Abbiamo un corso “scioglilingua” per il tedesco base.
Organizziamo anche diversi eventi, come ad esempio delle presentazioni di libri. Negli ultimi mesi molti di questi eventi sono collegati alla questione ambientale, abbiamo infatti una buona collaborazione con XR (Extinction Rebellion), che è un’associazione che lotta per la tutela dell’ambiente. Il 30 settembre inoltre ospiteremo al 77 un’associazione di Verona, di nome “Pink Refugees”. 
È un’iniziativa che si prende cura in particolare dei migranti che arrivano in Italia e che fanno parte della comunità LGBT+.

Come mai lo Spazio 77 è così speciale?

Quando siamo arrivati nel quartiere di via Dalmazia, siamo stati guardati all’inizio con diffidenza, ma con il tempo abbiamo conquistato la fiducia del quartiere e in molti si sono fatti coinvolgere, dai più giovani ai più anziani.

Autrice: Sarah Sartoretto COOLtour

Rubriche

Editoriale

Votate!

Vi invito a leggere a pag. 11 il commento scritto da Paolo Valente per la rubrica “Senza Confini”...

Mostra altri
Editoriale
Balconorto

La zucca #1

Prima di fare un focus su una varietà di zucca in particolare alla quale sono molto affezionato, ...

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

L’autonomia degli uni… “SENZA” gli altri

Con una cerimonia al Kurhaus di Merano sono stati ricordati – nella Giornata dell’autonomia del 5...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La storia della gallina rapita

La cosiddetta “Dekadenz” viennese, ossia il lento ma inesorabile declino della monarc...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Thöni: l’uomo, prima del mito

Gustav Thöni. Dentro e fuoripistaAutore: J. Christian Rainer Presenta molti motivi di interesse l...

Mostra altri
Libri
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano il ricordo di Albin Egger-Lienz

Via Egger-Lienz: la via tra il convento Muri-Gries e il Palazzo Ducale, che dal 1880 era denomina...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Un pugno di colonne sonore per la Merano Pop Symphony Orc...

A Ferragosto la Merano Pop Symphony Orchestra ha presentato nella sua città d’elezione con un con...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Pesche e yogurt

INGREDIENTI 250 g yogurt bianco naturale o alla pesca,200 ml panna fresca liquida,700 g pesche,60...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Mummie

Più di mille mummie, provenienti da ogni angolo del pianeta e richiamate dal 10° congresso mondia...

Mostra altri
La satira