Un bolzanino in gita a Cinecittà

Attualità | 14/7/2022

Un viaggio “rovente” a Roma, all’interno del più importante stabilimento italiano di produzione cinematografica.

Dopo aver visitato Cinecittà, ci si rende conto che c’è un filo rosso che collega tutti i luoghi, i personaggi e gli oggetti che si incontrano durante il tour: il suo nome è ”magia”. Risulta infatti subito magica l’atmosfera che si respira già all’ingresso, quando ci si ritrova nel grande parco alberato a tu per tu con l’imponente “Venusia”, la scultura raffigurante un viso di donna, utilizzata da Fellini per le scene di apertura del film “Il Casanova”. Proseguendo ci si imbatte nella “carrozza della fata dai capelli turchini” e nel “cavallo a dondolo gigante” del “Pinocchio” di Benigni. L’incantesimo continua quando si accede a due grandi set permanenti: il primo riproduce perfettamente il foro romano e il secondo proietta il visitatore all’interno del tempio di Gerusalemme. Impossibile non provare ammirazione per le capacità artistiche dei grandi scenografi e delle 250 maestranze che qui lavorano, artigiani dalle doti sopraffine, capaci di riprodurre qualsiasi scenario utilizzando pochi e semplici materiali: legno, cemento, vetroresina, metalli vari.
E un leggero brivido si prova anche passando davanti al mitico teatro 5, con i suoi 2800 mq il più grande dei 19 teatri di posa di Cinecittà. Non sono le sue imponenti misure a renderlo magico, ma il fatto che il mitico Federico Fellini lo elesse a sua seconda casa, facendo addirittura trasformare parte dei camerini in un miniappartamento in cui si ritirava per poter contemplare il teatro vuoto e trarre così l’ispirazione per immaginare nuovi mondi con cui riempirlo.
Eh già…Fellini. Fellini è praticamente un sinonimo di Cinecittà: senza nulla togliere ai tanti fantastici artisti che qui hanno lavorato (ben raccontati nella mostra permanente offerta ai visitatori) e agli oltre tremila film prodotti dagli anni trenta del ‘900 ad oggi, il vero padrone di Cinecittà è ancor oggi Federico Fellini, tant’è che si ha la sensazione che, con la sua telecamera, si aggiri ancora per gli studios. Del resto quando gli chiesero in quale città avrebbe preferito vivere, Fellini rispose “Cinecittà”, che lui, non a caso, chiamava anche “La fabbrica dei sogni”.

Autore: Massimo Antonino

Rubriche

Editoriale

Ferie, lavoro e… voto

Nella nostra Costituzione il lavoro ha un’importanza fondamentale, al punto che questa dimensione...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

La sfida del servizio gratuito e continuativo

In queste settimane i giovani tra i 18 e i 28 anni possono presentare domanda per prestare il ser...

Mostra altri
Senza Confini
Monumenti da Riscoprire

Gli architetti Andrea e Pietro Delai

Via Delai, che collega via Piave con via Francesco Crispi, è un caso di via intitolata non a una ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Città Digitale

Il Phishing informatico: quando a pescare sono i malinten...

Nella nostra rubrica abbiamo affrontato varie volte il tema della sicurezza informatica e del cyb...

Mostra altri
La Città Digitale
Te Ricordet... Laives

Pietralba, Laives e i miracoli #2

Vi proponiamo la seconda e ultima parte del singolare racconto del 1847 dello scrittore e giurist...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Perché non facciamo figli

Non è un paese per madriAutrice: Alessandra MinelloLaterza, 160 pag.Il titolo del libro di Alessa...

Mostra altri
Libri
La Scena Musicale

Piero Messina #2: l’arrivo alla corte dei Van Der Graaf G...

Nello scorso numero abbiamo lasciato il ventenne Piero Messina negli studi milanesi della Numero ...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Pesce spada su verdura fruttata

Ingredienti Per 4 personeVerdura fruttata a dadini20 ml olio d’oliva100 g zucchine200 g peperoni ...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Mattarella Astronauta

A sorpresa, all’indomani dell’attuale crisi di governo, il Presidente della Repubblica Sergio Mat...

Mostra altri
La satira