Da Bolzano, in viaggio per aiutare: scuole e ospedali

Attualità | 25/11/2021

È iniziato tutto quasi 45 anni fa, nel 1977, quando, spinti dal desiderio di aiutare il prossimo nei luoghi più poveri del mondo, i membri del Gruppo Missionario di Regina Pacis hanno dato il via alle proprie attività di aiuti cooperando con i missionari del Brasile, in particolare quelli di San Paolo. Ma recentemente una buona parte dell’attività si è spostata in Africa, come racconta Gianfranco Ferro.

“Per i primi 30 anni – racconta Gianfranco Ferro, che è da sempre il cuore del gruppo missionario – abbiamo lavorato esclusivamente Brasile dove, ad eccezione degli ultimi anni della dittatura militare brasiliana, c’è sempre stato un clima di pace. Successivamente siamo entrati in contatto con alcune realtà in Perù, in Timor Est – un’isola nel sudest asiatico – in Kenya e in Tanzania. Negli ultimi anni ci siamo concentrati in modo particolare in questi ultimi due Stati, anche perché qui non si percepiscono forti tensioni tra gli abitanti e, fortunatamente, c’è pace. Dove ci sono guerre è davvero molto difficile lavorare.”

Avete avuto modo di far visita in Tanzania? Quali sono le esigenze a cui andate incontro?
“Personalmente, durante i miei 4 viaggi in Tanzania – il primo nel 2011 e l’ultimo nel 2019 –  ho potuto girarla tutta, e ho percepito, fin da subito, le maggiori problematiche presenti. Qui – spiega Ferro – vi è carenza di acqua potabile, di scuole e di ospedali. Sono queste le cose più importanti su cui ci concentriamo, in quanto, in primo luogo, per trovare acqua potabile è necessario scavare due o trecento metri – da qui l’esigenza di costruire pozzi – in un secondo, la presenza di scuole e ospedali è di vitale importanza. A questi si aggiunge la necessità di avere energia nei villaggi, che stiamo colmando con il rifacimento di una centrale idroelettrica.”

Ai vostri viaggi in Tanzania hanno preso parte anche alcuni bolzanini? E, ultimamente, quanto ha influito il lockdown con il mantenimento dei contatti con i missionari?
“Sono stati diversi i bolzanini che si sono recati in Tanzania per vedere i nostri progetti. Negli anni abbiamo conosciuto numerosi missionari locali e abbiamo potuto ospitarli anche qui a Bolzano. Ora sono diversi anni che non ci si vede, ma rimane, da parte nostra, l’entusiasmo di aiutare e, dalla gente, l’esigenza di essere aiutata. Per quanto riguarda le condizioni di vita provocate dalla pandemia, invece, sappiamo che nei villaggi e nelle campagne la vita ha ripreso ad essere quasi come quella di prima, a differenza delle grandi città dove la situazione è differente.”

In questi ultimi 10 anni, ha potuto vedere dei cambiamento concreti?
“Rispetto al primo viaggio, ho visto dei miglioramenti sia sul piano di aiuti arrivati, sia su quello territoriale. Ora ci sono strade e strutture che 10 anni fa non c’erano. Lo stato si sta sviluppando. E questo grazie agli aiuti internazionali, nati dal fatto che la Tanzania ha grandi risorse minerali, e quindi è un territorio ambito. Questo è stato percepito bene dalla popolazione, perché ha portato posti di lavoro e ha permesso di integrarla in un contesto lavorativo” ha concluso Ferro.

Autore: Andrea Dalla Serra

Rubriche

Editoriale

Ostinazioni ed abbagli

Siamo fatti per guardare avanti. Possiamo osservare dove poggiamo i nostri piedi, quello che sta ...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Modifiche alla servitù di passaggio

La vicenda oggetto di analisi riguarda il proprietario di un terreno il cui accesso è possibile a...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Senza Confini

Non c’è libertà senza responsabilità

Per capire quanto sia importante la vaccinazione per contenere il coronavirus e per limitarne le ...

Mostra altri
Senza Confini
Balconorto

E’ arrivato il letargo

Mi sono affezionata all’inverno perché sento che è vero, non come l’estate che vola via e sembra ...

Mostra altri
Balconorto
Te Ricordet... Laives

Laives e i suoi primi curati

Fino all’inizio del XVIII secolo, era un prete della parrocchia di Bolzano a prendersi cura delle...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Monumenti da Riscoprire

La targa dedicata alla figlia di Dostoevskij

Fresca di… ! È da pochi giorni, dal 10 novembre, che nel maestoso complesso del Grieserhof, nell’...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Storie senza ma: “Donne in Jazz” contro la violenza alle ...

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un gruppo di musicist...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

I Piduni di Felice

INGREDIENTI Per 8 persone:1 Kg farina 00110 g strutto270 ml acqua80 ml vino bianco secco10 g sale...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Santa Luis is coming to town

Cosa ci fa Luis Durnwalder travestito da Babbo Natale? “In una vera democrazia,” ha dichiarato “d...

Mostra altri
La satira