Un archivio pieno di passioni

QuiIntervista | 2/9/2021

QuiIntervista a Aaron Ceolan, nato a Bolzano e cresciuto a Salorno. L’interesse per l’arte e la cultura ha indirizzato i suoi studi a Trento e a Siena, portandolo poi a lavorare nell’ambito della comunicazione digitale a Museion. Un percorso proseguito sul filo della passione per la storia all’Archivio storico di Bolzano, dove attualmente lavora. Salorno è rimasta nel suo cuore: fa parte dell’associazione JoyEnJoy, con cui si esibisce in rappresentazioni teatrali amatoriali, mentre con un gruppo di amici e amiche organizza il festival di musica Dorfenmusica.

Il mio principale difetto.
A volte tendo ad essere un po’ troppo rigido.

La volta che sono stato più infelice.
Il 5 maggio 2002… ahimè o per fortuna sono tifoso dell’Inter.

Da bambino sognavo di diventare… 
Un giornalista che girava  il mondo.

Un libro da portare sull’isola deserta.
“Fiesta” di Hemingway

Il capriccio che non mi sono mai tolto.
Una vacanza on the road dalla California al Messico.

L’ultima volta che ho pianto.
La settimana scorsa.

Il Paese/luogo dove vorrei vivere.
A New York negli anni ’80.

Il colore che preferisco.
Il blu scuro, tendente al nero.

Il mio piatto preferito
Patate al forno con… basta che ci siano le patate al forno.

Il mio musicista preferito.
Ce ne sarebbero tanti, ma dico i Kings of Leon e The National.

Il mio pittore preferito.
Sebastiano del Piombo, a mio avviso un ritrattista niente male.

Il fiore che amo.
Sono assolutamente ignorante in materia.

Non sopporto…
Il fanatismo in tutte le sue declinazioni.

Dico bugie solo…
Ho smesso di dire bugie.

La mia paura maggiore.
Di perdere i ricordi.

Il giocattolo che ho amato di più.
… e che continuo ad amare tuttora: il pallone da calcio.

L’oggetto a cui sono più legato.
Difficilmente mi lego agli oggetti.

La massima stravaganza della mia vita.
Il formaggio grana sulla pasta al tonno.

Il mio primo ricordo.
Mia sorella neonata che torna dall’ospedale in una culla bianca a pois rossi. 

Per un giorno vorrei essere…
In grado di viaggiare nel tempo.

Nel mio frigorifero non manca mai…
Lo yogurt bianco per la colazione.

Se fossi un animale, sarei…
Amo nuotare, quindi probabilmente un pesce.

Autrice: Caterina Longo

Rubriche

Editoriale

Ostinazioni ed abbagli

Siamo fatti per guardare avanti. Possiamo osservare dove poggiamo i nostri piedi, quello che sta ...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Modifiche alla servitù di passaggio

La vicenda oggetto di analisi riguarda il proprietario di un terreno il cui accesso è possibile a...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Senza Confini

Non c’è libertà senza responsabilità

Per capire quanto sia importante la vaccinazione per contenere il coronavirus e per limitarne le ...

Mostra altri
Senza Confini
Balconorto

E’ arrivato il letargo

Mi sono affezionata all’inverno perché sento che è vero, non come l’estate che vola via e sembra ...

Mostra altri
Balconorto
Te Ricordet... Laives

Laives e i suoi primi curati

Fino all’inizio del XVIII secolo, era un prete della parrocchia di Bolzano a prendersi cura delle...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Monumenti da Riscoprire

La targa dedicata alla figlia di Dostoevskij

Fresca di… ! È da pochi giorni, dal 10 novembre, che nel maestoso complesso del Grieserhof, nell’...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Storie senza ma: “Donne in Jazz” contro la violenza alle ...

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un gruppo di musicist...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

I Piduni di Felice

INGREDIENTI Per 8 persone:1 Kg farina 00110 g strutto270 ml acqua80 ml vino bianco secco10 g sale...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Santa Luis is coming to town

Cosa ci fa Luis Durnwalder travestito da Babbo Natale? “In una vera democrazia,” ha dichiarato “d...

Mostra altri
La satira