Breve parabola di un orto abusivo

Attualità | 18/4/2024

Un pezzo di terreno comunale incolto e un gruppo di giovani che fa una scelta controcorrente; ma anche qualche residente che pare non apprezzare l’iniziativa e chiama la municipale. Breve parabola di un orto abusivo.

Metti una sera a tavola con gli amici; ci si affaccia al balcone per prendere una boccata d’aria e all’improvviso ci si accorge che un pezzo di terra incolto, ricettacolo di escrementi di animali e culla per migliaia di zanzare, giace dimenticato da tutti proprio sotto il tuo naso.

Zappa, badile e olio di gomito
Sembra l’inizio di un tema di scuola, ma è la realtà: un gruppo di giovani pinetani, minorenni, invece che munirsi come tanti coetanei di bottiglia di birra e motorino per andare ad annoiarsi in qualche angolo del paese, si munisce invece di zappa, badile e paletti e nel giro di diverse ore di faticoso lavoro dapprima bonifica interamente questo pezzo di terreno, trasportando i rifiuti alla discarica comunale quindi, acquistato il necessario di tasca propria, provvede a recintare, creare un muretto e – infine – seminare e piantare….non certo vegetali dall’aspetto equivoco bensì innocui rapanelli, carote e insalata.
Un’iniziativa che non può che strappare un sorriso e un applauso per dei ragazzi che hanno dato vita a qualcosa di sano, impiegando il proprio tempo non davanti a una playstation o – peggio – devastando qualche parco giochi, come purtroppo sempre più spesso accade.
Molti sono stati infatti quelli che hanno mostrato ai ragazzi il proprio apprezzamento per aver trasformato un angolo di paese in qualcosa di utile e anche bello da vedere, sicuramente più che erbacce e rifiuti tra di esse.
Ma… c’è un ma.
Quel pezzo di terra è di proprietà del Comune. E ai ragazzi, tutti minorenni, non è passato per la testa che per abbellire il paese utilizzando qualcosa di cui nessuno se ne fa nulla potesse servire una autorizzazione.
Non è certo una giustificazione, se la burocrazia va rispettata…, per carità, facciamolo!
Ma forse sarebbe bastato un suggerimento di un adulto, ovvereo quello di andare in Comune a chiedere quale fosse la procedura corretta, e tutto sarebbe andato a buon fine.

“Un gruppo di ragazzi pinetani bonifica un pezzo di terreno incolto, trasportando i rifiuti alla discarica, compra il necessario di tasca propria, lo trasforma in un orto. Ma poi qualcuno
chiama i vigili…”

La “vittoria” di chi ha denunciatio i ragazzi
Pare però che a qualcuno del quartiere piacesse di più la vista sul terreno incolto, piuttosto che su un gruppo di giovani intenti a un sano lavoro.
Fatto sta che chi preferiva il pezzo incolto ha pensato bene di avvisare la municipale di Laives che – come da protocollo – ha provveduto a far smantellare l’orto che risultava, appunto, abusivo.
Che grande vittoria deve aver pensato chi ha denunciato questi ragazzi, temendo forse che l’orticello potesse trasformarsi in area rave party o qualcosa di simile.
Ma i ragazzi non ci stanno. Attraverso i social e i giornali hanno fatto sentire forte la voce di chi, credendo di aver fatto cosa buona e giusta, si è ritrovato punito per aver ignorato un regolamento.
Forse preferiamo quei gruppi di ragazzi che trascorrono il tempo insozzando i parchi giochi o con lo sguardo perso nel telefonino.Ma fortunatamente la popolazione di Pineta ha risposto con un’ondata di solidarietà e l’eco di questa vicenda ha raggiunto le aule della politica.
I ragazzi sono stati infatti ricevuti, su loro richiesta, dal vicesindaco Seppi e dall’Assessora alle Politiche Sociali Claudia Furlani.
Non sono ancora noti i risvolti di questo incontro ma la speranza, non solo dei ragazzi ma anche di una larghissima parte della comunità, è che il Comune – svolte le necessarie pratiche burocratiche, autorizzi i ragazzi a proseguire la loro avventura vegetale e che possa anzi, tramutarsi in esempio per altri giovani.
Rimane l’amarezza di sapere che ci sono cittadini che non sanno vedere il buono quando c’è, ma chissà: magari quest’esperienza servirà a loro per ricredersi.

Autrice: Raffaella Trimarchi

Rubriche

Editoriale

Glaciazione

Una paio di settimane fa la Fondazione Nordest ha reso noto uno studio in grado di fotografare e ...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Genocidio e antisemitismo. Onestà nelle parole e nei fatti

Sentiamo tutti i giorni termini come genocidio e antisemitismo. Raramente sono usati a ragion ved...

Mostra altri
Senza Confini
Scorci del capoluogo

Lucia Frisch, la prima bolzanina citata

Nella zona industriale di Bolzano, ad un certo punto della lunga via Bruno Buozzi, dopo piazza Fi...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
La Scena Musicale

Destinazione AOAR, il viaggiointergalattico di Mirko Gioc...

Lo avevamo annunciato qualche settimana fa, occupandoci di Lila, il video singolo postato da Mirk...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

L’immigrazione trentina nell’Unterland

Unterland, territorio di confine tra due grandi aree linguistico-culturali, è da molto tempo sino...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra storia e architettura

Il concorso “la sposa d’Italia”: Tebe e Massimina protago...

Il concorso “la sposa d’Italia” vedeva giungere a Merano le diciotto finaliste che a Merano sareb...

Mostra altri
Tra storia e architettura
Vivere per l’arte

Giorgioppi

È alla potente lezione di Piero della Francesca, alla sezione aurea e alla sequenza di Fibonacci ...

Mostra altri
Vivere per l’arte
#qui_foodstories

Bicchierini pere e mascarpone

Ingredienti per 3 persone: 250 gr Mascarpone150 gr Panna da montare80 gr Zucchero a velo2 Pere Wi...

Mostra altri
#qui_foodstories
Balconorto

Il sole gioca a nascondino

Alzi la mano chi si aspettava una primavera così dinamica, baciata dalla pioggia e da temperature...

Mostra altri
Balconorto