Lotta alla ruggine su tutti i lampioni

Attualità | 25/1/2024

Il colpo d’occhio è poco gratificante per l’immagine della città, ma anche dal punto di vista della sicurezza quelle macchie di ruggine che incrostano i pali dell’elettricità di Laives non sono un ottimo biglietto da visita. Così fino alla metà di marzo verranno effettuati controlli a tappeto sulla stabilità di tutta la rete di illuminazione pubblica nel territorio municipale di Laives, da parte dei tecnici incaricati dal Comune.

Nel territorio comunale di Laives ci sono complessivamente quasi 2.400 punti luce pubblici. Già nel 2022 è partito da parte dell’amministrazione comunale il progetto di sostituzione delle vecchie lampade con quelle a led, al ritmo di circa 350 lampade l’anno, con lo scopo di ottenere un notevole risparmio energetico che si traduce – in concreto – anche in un risparmio economico per le casse pubbliche. 

In molti casi si tratta semplicemente di sostituire le vecchie lampadine, ma – nonostante i numerosi interventi di riqualificazione avvenuti negli ultimi anni nel territorio comunale, dalla nuova piazza e quartiere residenziale a San Giacomo alla zona Toggenburg a Pineta, per citarne alcuni – è spesso necessario anche sostituire i pali di sostegno.  

I pali dell’illuminazione e dei semafori sono infatti molto esposti al fenomeno della corrosione, dove la normale ossidazione dell’acciaio viene accelerata da fattori come le condizioni atmosferiche, l’inquinamento e gli escrementi animali. 

Per questo motivo, dallo scorso 15 gennaio e fino al prossimo 15 marzo, i tecnici incaricati dal Comune provvederanno a verificare la stabilità di tutti i pali di età superiore ai 10 anni, attraverso una tecnologia non invasiva. L’intervento è necessario per garantire la sicurezza degli utenti stradali. L’intervento avverrà su tutto il territorio comunale, da San Giacomo a Laives passando per La Costa e Pineta. 

Per la maggior parte, come detto, l’illuminazione pubblica è già stata sostituita in anni recenti in molte zone ma, in particolare nelle vie interne, capita ancora di incrociare qualche triste palo dalla base visibilmente arrugginita. Così, ad esempio, i residenti di via Maso Hilber a San Giacomo accolgono con favore la notizia dell’ispezione e della molto probabile, successiva, sostituzione di alcuni lampioni destinati alla pensione. Ma anche lungo la Via Kennedy a Laives capita di imbattersi in evidenti tratti di ruggine. La sistemazione – o sostituzione – degli stessi permetterà quindi di guadagnare non solo in sicurezza ma anche in estetica, il che davvero non guasta mai.

L’accesso ad alcuni dei pali da controllare dovrà avvenire attraverso proprietà private; per questo motivo il Comune – attraverso i tecnici incaricati Centrotest s.r.l. identificabili attraverso tesserino di riconoscimento e un’ordinanza del vicesindaco – si metteranno in contatto porta a porta con i rispettivi proprietari o amministratori di condominio per i terreni interessati, per richiedere l’accesso. L’amministrazione comunale chiede pertanto collaborazione da parte dei cittadini, per permettere questi controlli assolutamente essenziali per la sicurezza pubblica.

Per qualsiasi domanda o informazione è possibile contattare l’Ufficio Lavori Pubblici al Numero di telefono 0471 595792.

Autrice: Raffaella Trimarchi

Rubriche

Editoriale

Verde pubblico e verde privato

Com’è noto i patrimoni naturali più importanti di cui godiamo nel nostro territorio alpino sono d...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Responsabilità globale multilaterale autorevole cercasi

Il 24 febbraio sono due anni di guerra in Ucraina. Quindici giorni dopo saranno cinque mesi dal r...

Mostra altri
Senza Confini
Scorci del capoluogo

La via dedicata al principe Eugenio 

Casa Savoia, una tra le più antiche dinastie d’Europa, è oggetto d’attenzione in questi giorni, c...

Mostra altri
Scorci del capoluogo
La Scena Musicale

Cantanapoli: Napoli con lo Spritz!

Parafrasare il tipico incipit di molte canzoni dell’immenso Renato Carosone ci pare il modo migli...

Mostra altri
La Scena Musicale
Racconti dalla Bassa

Le vecchie strade della Bassa Atesina

Tutte le strade portano a Roma, si diceva un tempo. Forse era un’esagerazione ma è un dato di fat...

Mostra altri
Racconti dalla Bassa
Tra storia e architettura

Pubblicare un libro ad undici anni: Siegfried, il nipote ...

“Caro Walt, siccome la tua famiglia sembra occupata in attività culturali e altro, perché non tra...

Mostra altri
Tra storia e architettura
Vivere per l’arte

Eva Thaler Pixner: essenza della materia e fascino delle ...

Nata in una famiglia creativa Eva inizia presto a muoversi fra carta, matite e pennelli. Per molt...

Mostra altri
Vivere per l’arte
La satira

La musica che… “unisce”

Nel prossimo tour estivo, grazie all’intelligenza artificiale, Philipp Burger duetterà con il suo...

Mostra altri
La satira
Balconorto

Il letargo dell’inverno

Febbraio è ancora ostaggio dell’alta pressione subtropicale. Specialmente in quota, ma pure nei f...

Mostra altri
Balconorto