Passione animazione

QuiIntervista | 14/1/2021

Massimo D’Amico è meranese d’adozione da circa 10 anni, ma è nato in Puglia a San Vito dei Normanni, uno degli splendidi borghi pugliesi in provincia di Brindisi. Oggi lavora come vice direttore di un negozio di alimentari. Per 20 anni è stato animatore turistico, professione che gli ha permesso di girare l’Italia. Le sue passioni sono rimaste il ballo e la recitazione, che continua a coltivare anche a Merano.

La cosa che mi piace di me.

Il mio essere sensibile, ma nello stesso tempo volitivo.

Il mio principale difetto.

Per mia natura mi fido troppo delle persone, il che non sempre è un bene.

La volta che sono stato più felice.

Da capovillaggio ho interpretato la commedia di Vincenzo Salemme “E Fuori Nevica”. L’apprezzamento del pubblico che mi ha tributato una standing ovation a fine spettacolo mi ha davvero commosso.

La persona che ammiro di più.

I miei genitori, Francesco e Giovanna, che insieme hanno saputo tirar su 10 figli affrontando ogni difficoltà.

Un libro sull’isola deserta.

“La cena di Natale”, di Luca Bianchini.

La mia occupazione preferita.

Animatore turistico. L’ho fatto per 20 anni ed è un’esperienza che mi ha cambiato fortemente. Per il resto sono un patito di Top crime, starei delle ore a guardarli.

Il paese dove vorrei vivere.

Nella nostra Italia, un posto che non scambierei con nessun altro luogo.

Il mio piatto preferito.

Parmigiana di melanzane e polpette al sugo, quelle che mi preparava sempre mia madre.

Non sopporto…

La gente falsa e l’ipocrisia. 

Per un giorno vorrei essere…

Dotato di poteri soprannaturali per sistemare alcune “cosine” a livello planetario.

La mia paura maggiore.

Ammalarmi e vivere nella sofferenza..

Nel mio frigo non manca…

Verdura, yogurt e peperoncino piccante.

Se fossi un animale sarei…

Sicuramente un leone.

Mi sono sentito orgoglioso quando…

Sono riuscito a far ballare più di 2000 persone in un villaggio inCalabria, quando ero capo villaggio.

Il mio motto.

Vivi e lascia vivere, volere è potere.

Il capriccio che non mi sono mai tolto.

Mi piacerebbe regalarmi una crociera con la persona che amo.

Il giocattolo che ho amato di più.

Una riproduzione di Capitan Harlock, regalatomi a Natale da mia sorella Rita.

I miei artisti preferiti.

Renato Zero, Maroon 5, Lady Gaga, Michael Jackson, Mina.

Il dono di natura che vorrei avere.

Saper cantare.

Autore: Francesca Morrone

Rubriche

Editoriale

I giovani sono il nostro futuro. Aiutiamoli.

Anche in Alto Adige è straordinario lo sforzo economico messo in campo dalla politica per affront...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Materie prime: costi in aumento

L’aumento improvviso ed esponenziale del costo di alcune materie prime è un effetto, ormai tangib...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Gli algoritmi non hanno colpa

Nell’ultimo numero della “Città digitale” ci eravamo lasciati con questo intento: digitare nei tr...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

Festa dell’Europa: servono passi concreti e solidali

La Festa dell’Europa – 9 maggio – torna a ricordarci che l’Unione non è una gabbia né un costrutt...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

Roghi votivi e il dio Saturno

Per i popoli che ci hanno preceduto, il fattore religioso-magico rivestiva grande rilievo. I comp...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Merano

Quando Armando Ronca portò un angolo di Hollywood in città

Dell’ingegnere Armando Ronca e di come abbia inciso fortemente nella storia urbanistica ed archit...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Le Pietre di Bolzano

Il palazzo del turismo e la difesa del “moderno”

Parliamo di una nota ancora, dolorosa, per la recente storia architettonica, culturale e sociale ...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Monumenti da Riscoprire

In ricordo degli operai Virgilio e Romolo

Il 3 maggio è per Bolzano uno dei giorni in cui si ricordano eventi tragici del “secolo breve”,  ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

La musica spirituale di Elisa Venturin

Nelle scorse settimane, insieme ad altri dischi di cui ci siamo occupati o comunque ci occuperemo...

Mostra altri
La Scena Musicale
La satira

Ernst von Gewar

Storie dal multiverso Esistono infiniti universi paralleli dove le cose non sono del tutto come n...

Mostra altri
La satira