Ecco la Mille Miglia dell’Alto Adige

Attualità | 29/7/2021

Per una settimana hanno colorato le strade del meranese e della Valle Isarco, e non sono certo passarte inosservate: oltre 125 vetture hanno preso parte al “Südtirol Classic Schenna”, la gran dama dei raduni di auto d’epoca che non ha solo celebrato il piacere della guida, ma anche il suo 35esimo compleanno.

// Di Luca Masiello

Quel colpetto di tosse dopo aver girato la chiave, poi il rombo del motore, e i pistoni che scoppiettano prima di quel clic della marcia ingranata: per gli appassionati di motori, questa è musica classica; per tutti coloro che non vedono l’automobile solo come un mezzo per spostarsi, il “sound” di un mezzo d’epoca è poesia. E – a quanto pare – in Alto Adige gli appassionati del genere non mancano. Lo dimostra il grande successo di pubblico e di partecipanti a questa 35esima edizione della “Südtirol Classic Schenna”: dal 4 all’11 luglio oltre 125 partecipanti al “Rally della simpatia” si sono lanciati alla scoperta del paesaggio panoramico dell’Alto Adige: tra pianure mediterranee e vette alpine d’alta quota, i piloti hanno condotto le loro limousine, roadster e cabriolet attraverso un percorso sempre vario, fra tour rilassati attraverso la Val Venosta e la Valle Isarco, e quelli più impegnativi del programma del rally lungo il grande circuito delle Dolomiti con i passi Gardena, Sella e quello delle Erbe.

fotoservice: Patrick Schwienbacher


Dai primi del secolo agli anni ottanta
Le automobili d’epoca iscritte sono state classificate secondo il loro anno di costruzione: si partiva dalla categoria “Ancêtre” (anno di costruzione fino al 1904) e si arrivava a quella “Post IV” (anno di costruzione fino al 1975).


Porsche, Ford, Triumph e tante glorie italiane
In quei giorni il colpo d’occhio lungo le strade del meranese era decisamente particolare: Jaguar, Triumph e Porsche, ma anche italianissime Lancia e diversi “Cinquini” hanno attirato l’attenzione sui piloti che hanno percorso gli oltre 180 chilometri al giorno fra Scena ed il resto del Burgraviato, spigendosi poi nelle valli vicine. Le “nonnine “ del gruppo erano una Ford A Doktorwagen del 1929, quella che assomiglia un po’ al modello T usato da Stanlio e Ollio, ed una Bentley 4,5 Liter Open sua “coetanea”; ma non si può non menzionare l’Alfa Romeo 6C 1750 Gs del 1939 carrozzata da Zagato, quel carrozziere milanese che sullo chassis delle più potenti 6C 1750 Gran Sport realizzò diverse spider dall’impronta sportiva che sarebbero diventate famose per le loro imprese. Fra i modelli più recenti in corteo c’era una Ford Capri 3 del 1980, una Bmw 320/6 Baur Cabrio del 1979 e una splendida Opel Commodore del 1975.
Archiviata questa edizione, ora i piloti e gli appassionati delle “vecchie signore” stanno già scaldando i motori per il prossimo evento: dal 6 al 10 ottobre si tornerà in pista per la “Südtirol Classic Golden Edition”.

Rubriche

Editoriale

L’Euregio sanitario mancato

Negli ultimi 18 mesi l’emergenza legata al Coronavirus ha evidenziato come non mai l’importanza d...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Mediatore senza incarico e provvigione

Il mediatore, secondo il dettato dell’art. 1754 c.c., è il soggetto indipendente e imparziale che...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Cos’è lo Spid #2

Nell’ultimo numero della “città digitale”, abbiamo raccontato brevemente cosa sia il Sistema Pubb...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

Vaccini per tutti tra gli obiettivi per uno sviluppo sost...

Tra gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 elaborati dall’ONU e ratificati da...

Mostra altri
Senza Confini
Le Pietre di Merano

Due artisti, due epoche, due stili che hanno lasciato il ...

Anno 1480: Hans Schnatterpeck nativo di Vipiteno apre la sua bottega artistica a Merano ed assume...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Le Pietre di Bolzano

Fra presente e passato il complesso dell’ex Pascoli-Longon

È aperta fino al 13 novembre 2021 (ingresso libero) presso la galleria Arge Kunst di via Museo la...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Monumenti da Riscoprire

Il beato Arrigo

Bolzano-Treviso: c’è un forte legame tra le due città, come tra le due diocesi. Oltre ad avere, T...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Monika Callegaro e la bellezza della musica

Calca i palchi da ben cinquant’anni, ma anagraficamente non ne ha molti di più visto che ha comin...

Mostra altri
La Scena Musicale
La satira

Monumento alla Vittoria, wrapped, Bozen, 1946-2021

Il sogno di un ragazzino diventa realtà dopo ben 75 anni. “Impacchettare il monumento della Vitto...

Mostra altri
La satira