Diritto all’aborto: parliamone

Attualità | 20/10/2022

Chi si è trovato nella situazione di dover effettuare un’interruzione di gravidanza in Alto Adige lo sa bene: il personale che effettua queste operazioni è sotto organico, per utilizzare un eufemismo, e quei 90 giorni in cui si deve effettuare l’aborto scorrono veloci, con conseguenze spesso drammatiche sulla psiche della donna e di chi le sta accanto. Di ciò e di altri problemi legati a questa tematica ne parlerà un team di esperti nella sede dell’Accademia di studi italo-tedeschi in via F. Innerhofer 1, sabato 22 ottobre dalle ore 10 alle 14.

Nonostante in Italia l’interruzione della gravidanza sia legale, non è sempre facile avervi accesso. 

In Alto Adige, addirittura, esistono diversi sportelli di prevenzione e consulenza, ma solo pochissimo personale medico che offre aborti sicuri all’interno di strutture sanitarie pubbliche. Che cosa spinge così tanti professionisti del servizio pubblico a dichiararsi “obiettori di coscienza” per motivi etici o religiosi, rifiutando di eseguire aborti? Quali sarebbero i rischi per le donne e le persone incinte, oltre che per la società intera, se si perdesse nuovamente il diritto all’interruzione di gravidanza? 

È giusto considerare l’aborto un diritto umano universale? Come offrire il diritto a un aborto sicuro a tutte le persone interessate, a prescindere dalla loro classe sociale?

Il convegno vuole essere un momento di scambio tra pubblico ed esperti in materia. Dopo l’intervento da parte di alcuni esperti sulle implicazioni etiche, sanitarie e giuridiche legate all’aborto, il pubblico potrà contribuire al dialogo, partecipando a degli spazi di discussione. I risultati verranno restituiti al pubblico sotto forma di documento, nella speranza che possano fungere da spunto per un impegno politico comune, atto a salvaguardare la libertà e la dignità delle donne. 

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria: service@museia.it

LE ESPERTE E LE ORGANIZZAZIONE COINVOLTE

Al convegno parteciperanno Mona Holm (direttrice “Women’s Museum Norway Kvinnemuseet”, ideatrice della mostra “SHHH! Stories about abortion and sexuality”), Carla Reale (giurista esperta di diritto costituzionale e biodritto, componente della Commissione Pari opportunità di Trento), Esther Redolfi (filosofa impegnata in studi femminili), Silvia Camin (presidente Aied) e Loredana Costanza (vice primaria del reparto di Ginecologia e Ostetricia, ospedale di Bolzano).
Le organizzazioni coinvolte sono: Infocafè Femminista, Museo delle Donne, Donne in marcia, Ass. “Donne contro la violenza” Merano, consultorio Aied, Accademia di Studi Italo-Tedeschi, Women’s Museum Norway, Servizio Donna.

Rubriche

Editoriale

Tolleranza

Mi è capitato spesso di riflettere sul significato e l’importanza della tolleranza, forse recente...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Attenti al lupo! Ma attenzione: homo homini lupus

Il lupo, come nelle favole, torna a essere il pericolo numero uno. Per un allevatore certo non è ...

Mostra altri
Senza Confini
La satira

Zanna Bianca

Dopo le ultime ipotesi di avvistamento di lupi in Alto Adige, il consiglio della comunicazione un...

Mostra altri
La satira
La Scena Musicale

Fanchi è… Blu!

Jacopo Schiesaro vuole bene ai suoi cani: al primo che ha avuto, Blu, ha intitolato il suo disco ...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Torta amaretti Deanna

Ingredienti: Teglia da crostata da 24 cm di diametro (Ø)Ripieno:400 g amaretti200 g zucchero4 uov...

Mostra altri
#qui_foodstories
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano si ricorda la figura di Tambosi

Caso non frequente, a Oltrisarco, la doppia intitolazione: quella di una scuola primaria e di un ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
Te Ricordet... Laives

La Pietà di Laives

Nessun oggetto sacro ha mai richiamato l’attenzione dei credenti come la Sacra Immagine del...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Balconorto

L’Autunno

Ci sono storie che ci segnano nel profondo, ci sono stagioni, come l’autunno, che ci appartengono...

Mostra altri
Balconorto