I cimiteri: archivio storico a cielo aperto

Attualità | 20/10/2022

Hanno ottenuto un riscontro di pubblico costante e continuo, da venerdì a domenica, le visite guidate organizzate presso i cimiteri cittadini nell’ambito delle tradizionali Giornate del Patrimonio.

Negli anni precedenti le Giornate hanno interessato il patrimonio edilizio civile e gli impianti sportivi meranesi degli anni Trenta, quindi le “FigureUmane” sulla Passeggiata Lungopassirio e la Wandelhalle. Il tema di quest’anno è stato scelto per la sua peculiarità: i cimiteri rappresentano un vero e proprio archivio civico a cielo aperto, un archivio delicato, frammentario, eppure significativo delle nostre identità. Le tombe sono una testimonianza di affetto e un ricordo, una memoria privata e familiare che si apre anche alla collettività: un messaggio che si rivolge a tutti, che diviene parte di un corpo collettivo, di una città.
I cimiteri sono al contempo parte dell'”urbs” e della “civitas”, un patrimonio che non ha confini di lingua, di religione, di credo politico. Tutta la cittadinanza deve sentirlo proprio e ne va dunque diffusa la consapevolezza: ecco il senso di manifestazioni come le Giornate del Patrimonio ed ecco perché sono stati illustrati – grazie a Veronika Rieder e a Georg Schedereit – il Cimitero Evangelico e qundi – a cura di Herbert Tschimben e Licio Mauro – anche i cimiteri di guerra germanico, austro-ungarico e italiano. Sabato 16, con Patrick Rina e Tiziano Rosani, è stata la volta del cimitero di Santa Maria del Conforto, di quello delle urne cinerarie presso la chiesa di San Vigilio e di quello parrocchiale di Maia Bassa. Domenica 17, infine, si è proceduto alle visite sia del cimitero cittadino, con Rosanna Pruccoli e Patrick Rina, che del Cimitero Ebraico, con Joachim Innerhofer e Mirko Wenter.

Rubriche

Editoriale

Tolleranza

Mi è capitato spesso di riflettere sul significato e l’importanza della tolleranza, forse recente...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Attenti al lupo! Ma attenzione: homo homini lupus

Il lupo, come nelle favole, torna a essere il pericolo numero uno. Per un allevatore certo non è ...

Mostra altri
Senza Confini
La satira

Zanna Bianca

Dopo le ultime ipotesi di avvistamento di lupi in Alto Adige, il consiglio della comunicazione un...

Mostra altri
La satira
La Scena Musicale

Fanchi è… Blu!

Jacopo Schiesaro vuole bene ai suoi cani: al primo che ha avuto, Blu, ha intitolato il suo disco ...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Torta amaretti Deanna

Ingredienti: Teglia da crostata da 24 cm di diametro (Ø)Ripieno:400 g amaretti200 g zucchero4 uov...

Mostra altri
#qui_foodstories
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano si ricorda la figura di Tambosi

Caso non frequente, a Oltrisarco, la doppia intitolazione: quella di una scuola primaria e di un ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
Te Ricordet... Laives

La Pietà di Laives

Nessun oggetto sacro ha mai richiamato l’attenzione dei credenti come la Sacra Immagine del...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Balconorto

L’Autunno

Ci sono storie che ci segnano nel profondo, ci sono stagioni, come l’autunno, che ci appartengono...

Mostra altri
Balconorto