Un pacifico Architè

QuiIntervista | 24/3/2022

Qui Intervista a Roland Girardi, nato a Bolzano in una famiglia di madrelingua tedesca e laureato in Architettura presso l’università di Innsbruck. La sua passione per l’architettura lo porta a lavorare per un anno in Finlandia presso lo studio di “Slotte & Schütz” per poi tornare a Bolzano e continuare la sua professione prima in collaborazione con diversi studi presenti sul territorio e poi fondando un proprio studio. Al suo lavoro di architetto ha affiancato anche quello di professore di tecnologia nella scuola media di Sarentino. Ancora oggi è attivo come architetto e vive felicemente a Sarentino con suo marito Fabio di madrelingua italiana.

La cosa che più mi piace di me.
La pazienza.

Il mio principale difetto.
Sono due, l’orgoglio e la superbia.

La volta che sono stato più felice.
Alla nascita di mia figlia Alina.

Da bambino sognavo di diventare…
Un sarto.

La persona che invidio di più.
Un bravo musicista.

Un libro da portare sull’isola deserta.
Il piccolo Principe.

L’ultima volta che ho perso la calma.
Con un cliente a dir poco cocciuto e presuntuoso.

La mia occupazione preferita.
Il sudoku/cruciverba.

Il fiore che amo.
Le dalie.

Il mio piatto preferito.
Il Gulasch con polenta.

Il mio musicista preferito.
Lucio Battisti.

Il mio pittore preferito.
Gauguin.

Del mio aspetto non mi piace…
Essere in sovrappeso.

Non sopporto…
La prepotenza delle persone.

La qualità che preferisco in un uomo.
La sincerità e la dolcezza.

La qualità che preferisco in una donna.
La sincerità e la dolcezza.

Dico bugie solo…
Per non ferire l’altro.

Il giocattolo che ho amato di più.
Il trenino elettrico Märklin.

La massima stravaganza nella mia vita.
Certi arredamenti…

Il mio motto.
Vivere e lasciare vivere.

Il mio primo ricordo…
La mamma che canta, pulendo casa.

Dove mi vedo tra dieci anni.
Dove sono adesso, ma molto più rilassato.

Per un giorno vorrei essere.
Un uccello.

Nel mio frigorifero non manca mai…
Il latte.

Se fossi un animale sarei…
Una tigre (pacifica e maestosa).

In famiglia mi chiamano…
Architè.

Autrice: Elisa Lanzinger

Rubriche

Editoriale

Tolleranza

Mi è capitato spesso di riflettere sul significato e l’importanza della tolleranza, forse recente...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

Attenti al lupo! Ma attenzione: homo homini lupus

Il lupo, come nelle favole, torna a essere il pericolo numero uno. Per un allevatore certo non è ...

Mostra altri
Senza Confini
La satira

Zanna Bianca

Dopo le ultime ipotesi di avvistamento di lupi in Alto Adige, il consiglio della comunicazione un...

Mostra altri
La satira
La Scena Musicale

Fanchi è… Blu!

Jacopo Schiesaro vuole bene ai suoi cani: al primo che ha avuto, Blu, ha intitolato il suo disco ...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Torta amaretti Deanna

Ingredienti: Teglia da crostata da 24 cm di diametro (Ø)Ripieno:400 g amaretti200 g zucchero4 uov...

Mostra altri
#qui_foodstories
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano si ricorda la figura di Tambosi

Caso non frequente, a Oltrisarco, la doppia intitolazione: quella di una scuola primaria e di un ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
Te Ricordet... Laives

La Pietà di Laives

Nessun oggetto sacro ha mai richiamato l’attenzione dei credenti come la Sacra Immagine del...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Balconorto

L’Autunno

Ci sono storie che ci segnano nel profondo, ci sono stagioni, come l’autunno, che ci appartengono...

Mostra altri
Balconorto