Un pacifico Architè

QuiIntervista | 24/3/2022

Qui Intervista a Roland Girardi, nato a Bolzano in una famiglia di madrelingua tedesca e laureato in Architettura presso l’università di Innsbruck. La sua passione per l’architettura lo porta a lavorare per un anno in Finlandia presso lo studio di “Slotte & Schütz” per poi tornare a Bolzano e continuare la sua professione prima in collaborazione con diversi studi presenti sul territorio e poi fondando un proprio studio. Al suo lavoro di architetto ha affiancato anche quello di professore di tecnologia nella scuola media di Sarentino. Ancora oggi è attivo come architetto e vive felicemente a Sarentino con suo marito Fabio di madrelingua italiana.

La cosa che più mi piace di me.
La pazienza.

Il mio principale difetto.
Sono due, l’orgoglio e la superbia.

La volta che sono stato più felice.
Alla nascita di mia figlia Alina.

Da bambino sognavo di diventare…
Un sarto.

La persona che invidio di più.
Un bravo musicista.

Un libro da portare sull’isola deserta.
Il piccolo Principe.

L’ultima volta che ho perso la calma.
Con un cliente a dir poco cocciuto e presuntuoso.

La mia occupazione preferita.
Il sudoku/cruciverba.

Il fiore che amo.
Le dalie.

Il mio piatto preferito.
Il Gulasch con polenta.

Il mio musicista preferito.
Lucio Battisti.

Il mio pittore preferito.
Gauguin.

Del mio aspetto non mi piace…
Essere in sovrappeso.

Non sopporto…
La prepotenza delle persone.

La qualità che preferisco in un uomo.
La sincerità e la dolcezza.

La qualità che preferisco in una donna.
La sincerità e la dolcezza.

Dico bugie solo…
Per non ferire l’altro.

Il giocattolo che ho amato di più.
Il trenino elettrico Märklin.

La massima stravaganza nella mia vita.
Certi arredamenti…

Il mio motto.
Vivere e lasciare vivere.

Il mio primo ricordo…
La mamma che canta, pulendo casa.

Dove mi vedo tra dieci anni.
Dove sono adesso, ma molto più rilassato.

Per un giorno vorrei essere.
Un uccello.

Nel mio frigorifero non manca mai…
Il latte.

Se fossi un animale sarei…
Una tigre (pacifica e maestosa).

In famiglia mi chiamano…
Architè.

Autrice: Elisa Lanzinger

Rubriche

Editoriale

La politica come impegno civile. Ricordando Lionello Bert...

Nei giorni scorsi quando è scomparso Lionello Bertoldi, già senatore e presidente emerito dell’An...

Mostra altri
Editoriale
Balconorto

Risparmio di acqua

Finalmente piove… e il governo non c’entra! Le perturbazioni del 30 aprile e del 1 maggio non han...

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

Un referendum per abolire (o mantenere) il referendum

Quanti sanno che domenica 29 maggio la popolazione altoatesina sarà chiamata ad esprimersi con un...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La grande processione del 1887

Tutti conoscono il celebre dipinto esposto nella chiesa parrocchiale di Laives raffigurante la pr...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Il ‘700 a Bolzano, in un dialogo

LA BOLZANO DI LEONHARDAutore: Massimo Leonardo Prandini “Bellissimo testo, davvero perfetto in og...

Mostra altri
Libri
La Scena Musicale

Jörg Zemmler e il piano bar, ovvero: sfuggire alle classi...

Jörg Zemmler, artista multiforme e multimediale che ha la sua base tra Siusi e Vienna, è da parec...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Treccia dolce

INGREDIENTI 200 g di farina manitoba300 g di farina 00 100 g di zucchero90 g di burro1 uovo9...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Südtirol Arena

Inizieranno a breve i lavori per il completamento del nuovo stadio Druso, che verrà denominato “S...

Mostra altri
La satira