Festival Studentesco: conclusa l’edizione della ripartenza

Attualità | 1/6/2021

Si è conclusa con la vittoria del Liceo Pascoli di Bolzano l’edizione 2021 del Festival Studentesco, una manifestazione che, nonostante le numerose difficoltà organizzative e il riassetto dell’intera struttura della competizione, ha visto 7 scuole superiori della Provincia ritornare a sfidarsi in diversi ambiti.

Dopo una prima parte svolta prevalentemente online, il Festival Studentesco edizione 2021 si è spostata sul palco del Teatro Rainerum di Bolzano per registrare tutte le esibizioni musicali, teatrali, di danza classica e moderna successivamente trasmesse su YouTube. 
Il Festival – organizzato dall’associazione Artist Club, composta esclusivamente da volontari, con il contributo dell’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia e il patrocinio del Comune di Bolzano – ha potuto così prendere vita anche su un palco. 
Per realizzare il tutto in sicurezza, l’Artist Club ha previsto infatti un servizio di test antigenici rapidi per tutti i partecipanti e gli addetti ai lavori. Insomma, quello da poco concluso è stato un Festival compatibile con il difficile periodo pandemico e le numerose restrizioni, ma è stato anche, e soprattutto, un Festival che ha permesso a tanti giovani di rivivere forti emozioni, come raccontano Elisa Weiss, Presidente dell’Artist Club, e Daniele Gemelli, rappresentante del Liceo Pascoli di Bolzano.

Daniele Gemelli

Ricostruire da zero

“Lo sforzo per mettere in piedi la nuova edizione del Festival è stato considerevole, perché abbiamo dovuto ripensare l’intero impianto della manifestazione quasi da zero, spiega Elisa Weiss. “L’entusiasmo e la passione che i ragazzi delle scuole ci hanno dimostrato in questi mesi di preparazione ci ha dato la carica: il Festival quest’anno doveva e voleva esserci, e abbiamo fatto di tutto per organizzarlo e adattarlo al meglio.”
Tra i cambiamenti, svolti in modalità online, ci sono stati i “Videogiochi senza Frontiere”, che hanno sostituito i Giochi al campo CONI di Bolzano, il Quizzone e i diversi contest artistici.

Appartenenza

“Nonostante tutto – racconta Daniele Gemelli – le esibizioni sono state tutte all’altezza del Festival, tutti i partecipanti hanno dato il massimo di sé, non era scontato viste le difficoltà di organizzare, creare, suonare principalmente a distanza. Grazie al Festival sono nate nuove relazioni tra gli studenti; è stato importante mantenere viva questa iniziativa.”
“Un caratteristica fondamentale del Festival Studentesco è il senso d’appartenenza che trasmette agli studenti all’interno delle proprie scuole. Soprattutto dopo un periodo lungo di didattica a distanza, ritornare a svolgere questo tipo di attività ha aiutato molto, anche quest’anno si è visto lo spirito di appartenenza ai propri istituti. Certo, non è stato per tutti così – continua Daniele, spiegando – le classi prime e seconde non hanno ancora mai vissuto il Festival pre-Covid e quindi non possono conoscere realmente cosa sia. Nella mia scuola la partecipazione dei più giovani, infatti, non è stata molta. Sono sicuro, però, che vorranno partecipare i prossimi anni, quando il Festival, si spera, tornerà ad essere quello che è sempre stato”, ha concluso Daniele Gemelli.

Autore: Andrea Dalla Serra

Rubriche

Editoriale

Festività

Siamo reduci da mesi di festività non condivise. La festa dell’autonomia potrà unirci tutti?

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

La polizza decennale postuma

Come funziona questa particolare polizza assicurativa? Ce lo spiega l’avvocato Massimo Mira.

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Balconorto

Peronospora #2

Seconda puntata di Balconorto dedicata alla malattia delle piante denominata Peronospora.

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

Giornata del rifugiato: “Insieme possiamo fare la differe...

Paolo Bill Valente riflette sul dramma dei rifugiati in occasione della giornata mondiale.

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

Sant’Antonio, l’antica cittadella sacra di Laives

Reinhard Christanell ripercorre ancora una volte il passato remoto di Laives.

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Merano

La città della Belle Epoque si riflette nel ponte della P...

Otto ponti attraversano il Passirio, nella città di Merano. Fra queste otto strutture a più campa...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Monumenti da Riscoprire

To mask or not to mask?

È un dilemma, in questo tempo di pandemia, che si pongono molti. Ma vi è chi non se lo pone, per ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Bolzanini collezionabili

Ci sono anche alcuni vinili “locali” tra i pezzi più ricercati da coloro che per passione amano c...

Mostra altri
La Scena Musicale
Le Pietre di Bolzano

Bolzano città dell’acqua: rogge e fontane in epoca antica

Ai più sarà capitata sottomano  un’immagine indelebile della Bolzano antica, raffigurante le donn...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
La satira

Robert Linkshändige

Storie dal Multiverso Esistono infiniti universi paralleli dove le cose non sono del tutto come n...

Mostra altri
La satira