Per il futuro dei giovani e dell’ambiente

Attualità | 25/3/2021

Il 2021 comincia con uno sguardo rivolto al futuro, non solo all’auspicabile fine della pandemia, ma anche alle giovani generazioni, che hanno sofferto gravemente le privazioni e le opportunità mancate di quest’anno e che saranno messe maggiormente a repentaglio dalle ripercussioni economiche della crisi. Con questa consapevolezza, proprio a gennaio 2021, il Consiglio Comunale di Bolzano ha accolto la proposta di introdurre nello Statuto Comunale i principi dell’equità intergenerazionale e dello sviluppo sostenibile e di aderire alla campagna nazionale Figli Costituenti.
Figli Costituenti è una campagna nata nel 2019 che propone l’inserimento in Costituzione dei principi di tutela ambientale, sviluppo sostenibile e equità intergenerazionale. La parola chiave, al centro della proposta, è sostenibilità, un concetto che secondo la definizione ONU nel cosiddetto rapporto Brundtland indica “uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri” e lega quindi perfettamente i tre principi. Il nome “Figli Costituenti” fa chiaramente riferimento ai padri costituenti e vuole indicare uno scatto generazionale e la necessità di aggiornamento della Costituzione con temi che all’epoca non erano del dibattito pubblico.


La proposta è appoggiata e portata avanti da diversi partiti, gruppi, enti pubblici e associazioni con lo scopo di incentivare il dibattito su questi temi e dare voce ai giovani. “Per questo è importante approvarla anche nei Comuni, per avere sempre più peso e riuscire a calendarizzarla in Parlamento”, spiega Matthias Cologna, già coordinatore per Figli Costituenti in Alto Adige prima di essere eletto anche consigliere comunale a Bolzano nel 2020. Fra i Comuni altoatesini capofila ci sono Selva di Val Gardena, Santa Cristina e Ortisei, che hanno già inserito i principi nel loro statuto, il Comune di Merano e recentemente il Comune di Bolzano, dove è stata approvata la mozione che impegnerà la Giunta a modificare lo statuto.
“Ho aderito alla campagna perché credo siano tematiche trasversali importanti, soprattutto in Italia, dove c’è tanta disparità tra le generazioni e molte ragazze e ragazzi fuggono all’estero. Certamente modificando poche parole in Costituzione la situazione non migliorerà da un giorno all’altro, ma rappresenta comunque un inizio perché significa avere maggiori diritti. Iniziare a parlare di questi temi, organizzare eventi e dibattiti è già un passo avanti per aumentare la consapevolezza all’interno dell’opinione pubblica e iniziare a chiedersi se alcune misure rispettino questi criteri e siano “a prova di futuro””, racconta Matthias Cologna.
La crisi climatica sarà la grande sfida che tutto il mondo dovrà affrontare nei prossimi anni e, per quanto piccolo possa sembrare, il gesto di Figli Costituenti afferma la necessità di modulare ogni futura decisione nel rispetto del principio di sostenibilità e di agire in tal senso per continuare a garantire lo sviluppo e il progresso.

Autrice: Greta Sofia Lampis

Rubriche

Editoriale

L’ultimo chilometro

Siamo in un’epoca in cui facciamo sempre più fatica a parlare di futuro. Molte sono infatti le in...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Assegno unico per i figli: è legge

È stata approvata il 30 marzo la Legge che prevede l’assegno unico e universale per i figli: dal ...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Algoritmi e passi predefiniti

Nello scorso numero abbiamo parlato di cosa sono gli algoritmi, soffermandoci su un aspetto centr...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

“Non neghiamo ai nostri ragazzi presente e futuro”

Il tempo del Covid sarà ricordato a lungo da tutti e in modo particolare da coloro che hanno subi...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La chiesetta di San Pietro

Simbolo della città, tanto da apparire nello stemma comunale, la chiesetta di San Pietro – chiama...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Bolzano

La Via Crucis sul Monte Calvario del Virgolo a Bolzano

In tutta l’Europa cattolica, fra il XVII e il XVIII secolo, vennero istituite le Vie Crucis per r...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Le Pietre di Merano

Un superarchitetto per creare l’ippodromo più importante ...

Per più di un secolo il nome di Merano in tutto il mondo è stato associato, per molti, al suo ipp...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Monumenti da Riscoprire

La scultura di via Einstein

Segno dell’impegno del Comune di Bolzano anche per far apprezzare l’opera di artisti, locali e no...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

La Spritz Band e il suo doppio

Andrea Maffei e la sua Spritz Band non se sono stati con le mani in mano e hanno pubblicato nelle...

Mostra altri
La Scena Musicale