L’arte inclusiva degli “Amici dell’Arte”

Attualità | 25/3/2021

Nel 2020 la presidenza del gruppo di artisti bolzanino “Amici dell’Arte” è stata ceduta da Amedeo Masetti ad Adriana Fantoni. Il nuovo direttivo mantiene la tradizionale filosofia del gruppo, fondata sul principio di inclusività. Adriana e Amedeo ce lo spiegano presentando vecchi e nuovi progetti artistici.

Gli Amici dell’Arte si costituirono nel 1998 su iniziativa di Costantino Bombonato. Il gruppo sorse all’interno del Club Rodigino, l’associazione culturale che ricorda le origini venete dei molti che da queste aree si trasferirono a Bolzano. Sotto la direzione di Bombonato, gli Amici dell’Arte iniziarono a organizzare mostre annuali collettive. Nel 2008 ci fu la prima esposizione in Galleria Civica. Nel 2009 Amedeo Masetti, divenuto presidente, propose di evidenziare anche gli aspetti culturali legati alle tradizionali mostre annuali, che vennero perciò arricchite da numerosi eventi quali concerti e conferenze. Le rassegne successive spaziarono da Dante a Fellini, passando per il Jazz e “the Beatles”. Purtroppo la pandemia ha impedito esposizioni nel 2020, ma il gruppo continua a lavorare sotto la nuova presidenza di Adriana Fantoni. Il passaggio del testimone lascia invariata l’identità del gruppo, saldamente ancorata al principio di inclusività: “Non ci interessa tanto la formazione dei membri quanto la loro disponibilità a sposare la nostra filosofia, che si basa sulla partecipazione” racconta Adriana. Essere Amici dell’Arte significa fondamentalmente voler fare parte del gruppo, “lasciare in disparte l’individualità personale – continua Amedeo – e mettere in evidenza il lavoro collettivo”. La responsabilità ricade sui singoli artisti il cui impegno contribuisce al miglioramento di tutto il gruppo, su questo presupposto sono organizzate anche formazioni e spazi di confronto. L’anima inclusiva del gruppo è in grado di educare all’arte e di renderla accessibile a tutti, togliendola così da quel piedistallo distante e irraggiungibile su cui spesso l’arte viene posta. È “un gruppo popolare – risponde Adriana – io mi sono avvicinata quando ho visto la mostra sull’Inferno di Dante. Mi sono resa conto che mi parlava direttamente, non perché fosse semplice ma perché era molto viva”. Il carattere popolare a cui fa riferimento Adriana è dato da una modalità di comunicazione semplice e su livelli differenti, reso possibile anche dalla diversità che caratterizza i membri del gruppo: ognuno con il proprio stile e background. Ma popolare è anche la volontà di alleggerire il confronto con l’arte alta, elitaria, a beneficio della partecipazione, per dare a tutti e tutte la possibilità di esprimere la propria identità artistica. In questo senso gli Amici dell’Arte danno un contributo vivo alla cultura bolzanina. Il prossimo maggio 2021 sarebbe in programma una mostra, questa volta a tema libero perché le restrizioni sono state fin troppo presenti nel 2020; l’invito di Amedeo e di Adriana è quello di affacciarsi a questo mondo e di diventare, come loro, amici dell’arte.

Autrice: Giada Noto (COOLtour)

Rubriche

Editoriale

L’ultimo chilometro

Siamo in un’epoca in cui facciamo sempre più fatica a parlare di futuro. Molte sono infatti le in...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Assegno unico per i figli: è legge

È stata approvata il 30 marzo la Legge che prevede l’assegno unico e universale per i figli: dal ...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Algoritmi e passi predefiniti

Nello scorso numero abbiamo parlato di cosa sono gli algoritmi, soffermandoci su un aspetto centr...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

“Non neghiamo ai nostri ragazzi presente e futuro”

Il tempo del Covid sarà ricordato a lungo da tutti e in modo particolare da coloro che hanno subi...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La chiesetta di San Pietro

Simbolo della città, tanto da apparire nello stemma comunale, la chiesetta di San Pietro – chiama...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Bolzano

La Via Crucis sul Monte Calvario del Virgolo a Bolzano

In tutta l’Europa cattolica, fra il XVII e il XVIII secolo, vennero istituite le Vie Crucis per r...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Le Pietre di Merano

Un superarchitetto per creare l’ippodromo più importante ...

Per più di un secolo il nome di Merano in tutto il mondo è stato associato, per molti, al suo ipp...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Monumenti da Riscoprire

La scultura di via Einstein

Segno dell’impegno del Comune di Bolzano anche per far apprezzare l’opera di artisti, locali e no...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

La Spritz Band e il suo doppio

Andrea Maffei e la sua Spritz Band non se sono stati con le mani in mano e hanno pubblicato nelle...

Mostra altri
La Scena Musicale