2501: un nuovo murales in zona produttiva

Attualità | 28/7/2022

“L’arte non può cambiare il mondo, ma può fornire gli strumenti alle persone per saperlo interpretare e leggere”. Parola di Jacopo Ceccarelli, in arte 2501 (venticinque-zerouno), street artist di caratura internazionale – le cui mostre sono visitabili a Los Angeles, Miami, San Paolo, Milano, Roma, Detroit, Chicago e New York -, giunto per la prima volta a Bolzano per lavorare ad un murales sulle pareti che dividono il cortile dalla sottostazione elettrica della sede di Alperia nel quartiere Oltrisarco. Un muro è diventato tela per il suo pennello, 300 metri quadrati di superfice che sono stati riempiti con linee e volumi bianchi e neri che sembrano rincorrersi: una rappresentazione visiva dei campi magnetici e acustici, ma anche di fenomeni naturali in movimento. L’opera di Ceccarelli presenta elementi che si intrecciano in un susseguirsi di frames che compongono una cornice dentro la quale si svolge una narrazione che cambia da sguardo a sguardo. “Come in tutte le mie opere, anche in questo caso sono partito da un’idea di improvvisazione, dipingo in freestyle. Cerco di farmi influenzare dalla località che mi sta intorno, dall’architettura e dagli elementi che possono essere trasportati dentro il murales”, racconta Ceccarelli, che ha impiegato circa due settimane, a partire dal 5 luglio, per completare l’opera.

Ceccarelli ha iniziato a dipingere graffiti già a 14 anni e ha sviluppato uno stile artistico che si ispira alla street art sudamericana. Oggi è considerato uno degli artisti più interessanti a livello mondiale, e punta molto sulla gestualità e sul movimento della sua mano in superfice utilizzando anche una strumentazione particolare come pennelli su misura per le sue creazioni. “Io l’arte la intendo anche come una cura personale: attraverso determinate pratiche è possibile conoscersi meglio e capire quello che ci sta intorno – prosegue l’artista -. In questo senso l’urban art svolge un ruolo di prim’ordine. Il primo passo per raggiungere una pace mondiale e con l’ambiente deve essere far trovare una pace interiore in tutte le persone. E l’arte può indicare la via per riuscirci”.

Autore: Alexander Ginestous

Rubriche

Editoriale

Ferie, lavoro e… voto

Nella nostra Costituzione il lavoro ha un’importanza fondamentale, al punto che questa dimensione...

Mostra altri
Editoriale
Senza Confini

La sfida del servizio gratuito e continuativo

In queste settimane i giovani tra i 18 e i 28 anni possono presentare domanda per prestare il ser...

Mostra altri
Senza Confini
Monumenti da Riscoprire

Gli architetti Andrea e Pietro Delai

Via Delai, che collega via Piave con via Francesco Crispi, è un caso di via intitolata non a una ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Città Digitale

Il Phishing informatico: quando a pescare sono i malinten...

Nella nostra rubrica abbiamo affrontato varie volte il tema della sicurezza informatica e del cyb...

Mostra altri
La Città Digitale
Te Ricordet... Laives

Pietralba, Laives e i miracoli #2

Vi proponiamo la seconda e ultima parte del singolare racconto del 1847 dello scrittore e giurist...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Perché non facciamo figli

Non è un paese per madriAutrice: Alessandra MinelloLaterza, 160 pag.Il titolo del libro di Alessa...

Mostra altri
Libri
La Scena Musicale

Piero Messina #2: l’arrivo alla corte dei Van Der Graaf G...

Nello scorso numero abbiamo lasciato il ventenne Piero Messina negli studi milanesi della Numero ...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Pesce spada su verdura fruttata

Ingredienti Per 4 personeVerdura fruttata a dadini20 ml olio d’oliva100 g zucchine200 g peperoni ...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Mattarella Astronauta

A sorpresa, all’indomani dell’attuale crisi di governo, il Presidente della Repubblica Sergio Mat...

Mostra altri
La satira