Nella natura, tra escursioni e bicicletta

QuiIntervista | 20/5/2021

Nato a Bolzano, 25 anni, Luca “Ciko” Palaoro è cresciuto e vive a Laives. Dopo una serie di esperienze lavorative ha intrapreso un nuovo stimolante percorso all’interno di una grande azienda con sede in Provincia. Amante degli sport di montagna e di motori, si divide tra arrampicate ed escursioni in bici per scoprire ogni giorno una sfumatura nuova del nostro territorio.

La cosa che più mi piace di me.
L’estroversione.

Il mio principale difetto.
Riuscire a “stare” nelle regole.

La volta in cui sono stato più felice.
Lo sono sempre, per fortuna.

Da bambino sognavo di diventare… 
Un pilota d’aerei.

L’errore che non rifarei.
Uno dei miei tatuaggi.

La persona che invidio di più.
Luis Sal.

La persona che ammiro di più.
Mio padre.

Un libro da portare sull’isola deserta.
“Nanga Parbat” di Simone Moro.

Il capriccio che non mi sono mai tolto.
Avere una e-bike.

L’ultima volta che ho pianto
Quando è mancato il mio gatto.

La mia occupazione preferita. 
Stare in mezzo alla natura, con i miei amici.

Il luogo dove vorrei vivere.
New York.

Il colore che preferisco.
Blu.

Il fiore che amo.
Girasole.

Il mio piatto preferito.
Le lasagne di mia mamma.

Del mio aspetto non mi piace…
Il naso rosso.

Non sopporto…
L’ottusità.

La mia paura maggiore.
Gli insetti.

L’ultima volta che ho pregato.
Quando sono andato al Santuario di Pietralba.

Il giocattolo che ho amato di più.
Il peluche “Babau”.

La qualità che preferisco in un uomo.
La correttezza.

L’oggetto a cui sono più legato.
La mia macchina.

La massima stravaganza della mia vita.
Trovarmi in una cava di sassi in Madagascar.

Il mio primo ricordo.
Le gite di famiglia sulle Dolomiti.

Dove mi vedo fra dieci anni.
Su un aereo, direzione Tokyo.

Per un giorno vorrei essere…
Jeremy Clarkson.

Nel mio frigorifero non manca mai.
Il gelato di soia.

Se fossi un animale, sarei…
Un siberian husky.

In famiglia mi chiamano…
Luchetto.

Mi sono sentito orgoglioso di me stesso quando…
Sono riuscito a raggungere una recente soddisfazione lavorativa.

Il mio motto.
Stay Calm.

Rubriche

Editoriale

Ostinazioni ed abbagli

Siamo fatti per guardare avanti. Possiamo osservare dove poggiamo i nostri piedi, quello che sta ...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Modifiche alla servitù di passaggio

La vicenda oggetto di analisi riguarda il proprietario di un terreno il cui accesso è possibile a...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
Senza Confini

Non c’è libertà senza responsabilità

Per capire quanto sia importante la vaccinazione per contenere il coronavirus e per limitarne le ...

Mostra altri
Senza Confini
Balconorto

E’ arrivato il letargo

Mi sono affezionata all’inverno perché sento che è vero, non come l’estate che vola via e sembra ...

Mostra altri
Balconorto
Te Ricordet... Laives

Laives e i suoi primi curati

Fino all’inizio del XVIII secolo, era un prete della parrocchia di Bolzano a prendersi cura delle...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Monumenti da Riscoprire

La targa dedicata alla figlia di Dostoevskij

Fresca di… ! È da pochi giorni, dal 10 novembre, che nel maestoso complesso del Grieserhof, nell’...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Storie senza ma: “Donne in Jazz” contro la violenza alle ...

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un gruppo di musicist...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

I Piduni di Felice

INGREDIENTI Per 8 persone:1 Kg farina 00110 g strutto270 ml acqua80 ml vino bianco secco10 g sale...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Santa Luis is coming to town

Cosa ci fa Luis Durnwalder travestito da Babbo Natale? “In una vera democrazia,” ha dichiarato “d...

Mostra altri
La satira