“Niente è davvero irraggiungibile”

QuiIntervista | 12/11/2020

Abbiamo conosciuto Valeria Opre la scorsa estate, nella nostra rubrica “Altoatesini nel mondo”: nata a Caserta da madre kosovara e papà macedone, oggi ha 24 anni, parla quattro lingue e vive a Vienna, dove si è laureata in Scienze Politiche e, dopo aver trascorso il primo semestre di quest’anno a Singapore, sta per laurearsi in Economia. In questo numero scopriamo qualcosa in più su di lei.

La cosa che mi piace di più di me.

Il mio temperamento.

Il mio principale difetto.

La mia cocciutaggine.

La volta che sono stata più felice.

Rivedere la mia famiglia dopo sei mesi in Asia è stato un momento troppo felice.

Da bambina sognavo di diventare…

Avvocato. Per fortuna mi è passata.

L’errore che non rifarei.

Credere che qualcosa sia irraggiungibile: non lo è.

La persona che invidio di più.

Chi ha sempre saputo veramente chi è.

Il capriccio che non mi sono mai tolta.

Riempire la libreria di grandi classici mai letti, tanto per.

L’ultima volta che ho perso la calma.

A qualsiasi discorso di Trump.

L’ultima volta che ho pianto.

Al discorso di Kamala Harris. 

Il luogo dove vorrei vivere.

Vienna e altre città metropolitane caotiche alternate a paesini sperduti in Italia, preferibilmente con molti bar e trattorie.

Il colore che preferisco.

Carribean blue: il colore dell’acqua delle spiagge delle Filippine.

Il fiore che amo.

Non ho preferenze. Se un giorno sarò ricca sogno di avere tantissimi fiori ovunque in casa e con me, sempre.

Il mio piatto preferito.

“Krelan me duqa”: un piatto molto semplice, tipico albanese, che ha sempre cucinato la mia nonna.

Il mio pittore preferito.

Dominique Appia (spesso confuso con Dalì).

Non sopporto…

Le menzogne, e tantomeno chi le dice.

L’ultima volta che ho pregato.

Ero veramente giovane, e disperata. Da quel momento vedo la fede molto lontana da me.

L’oggetto a cui sono più legata.

Un anello “portafortuna”: ovunque vada, mi riporta a casa. 

La massima stravaganza della mia vita.

Spero di non averla ancora vissuta!

Il mio primo ricordo.

Dar da mangiare alle pecore con mio nonno, in Germania. 

Dove mi vedo tra dieci anni.

Non lo so! E quanta bellezza si nasconde in questo? 

Per un giorno vorrei essere…Xi Jimping: potrei finalmente capire i piani della potenza cinese! 

Nel mio frigo non manca mai…

Un bel pezzo di gorgonzola!

Rubriche

Editoriale

I giovani sono il nostro futuro. Aiutiamoli.

Anche in Alto Adige è straordinario lo sforzo economico messo in campo dalla politica per affront...

Mostra altri
Editoriale
La Bussola dei Diritti

Materie prime: costi in aumento

L’aumento improvviso ed esponenziale del costo di alcune materie prime è un effetto, ormai tangib...

Mostra altri
La Bussola dei Diritti
La Città Digitale

Gli algoritmi non hanno colpa

Nell’ultimo numero della “Città digitale” ci eravamo lasciati con questo intento: digitare nei tr...

Mostra altri
La Città Digitale
Senza Confini

Festa dell’Europa: servono passi concreti e solidali

La Festa dell’Europa – 9 maggio – torna a ricordarci che l’Unione non è una gabbia né un costrutt...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

Roghi votivi e il dio Saturno

Per i popoli che ci hanno preceduto, il fattore religioso-magico rivestiva grande rilievo. I comp...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Le Pietre di Merano

Quando Armando Ronca portò un angolo di Hollywood in città

Dell’ingegnere Armando Ronca e di come abbia inciso fortemente nella storia urbanistica ed archit...

Mostra altri
Le Pietre di Merano
Le Pietre di Bolzano

Il palazzo del turismo e la difesa del “moderno”

Parliamo di una nota ancora, dolorosa, per la recente storia architettonica, culturale e sociale ...

Mostra altri
Le Pietre di Bolzano
Monumenti da Riscoprire

In ricordo degli operai Virgilio e Romolo

Il 3 maggio è per Bolzano uno dei giorni in cui si ricordano eventi tragici del “secolo breve”,  ...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

La musica spirituale di Elisa Venturin

Nelle scorse settimane, insieme ad altri dischi di cui ci siamo occupati o comunque ci occuperemo...

Mostra altri
La Scena Musicale
La satira

Ernst von Gewar

Storie dal multiverso Esistono infiniti universi paralleli dove le cose non sono del tutto come n...

Mostra altri
La satira