Donazioni organi, gli incontri in Bassa 

Attualità | 8/9/2022

Dopo il successo dell’incontro a Bolzano, l’AIDO lancia la proposta di una seri di incontri con gli impiegati delle anagrafi in diversi comuni della Bassa atesina. È infatti proprio nel momento del rinnovo della carta d’identità che possiamo decidere se diventare donatori. Una decisione che può salvare una vita, ma che spesso porta con sé anche dubbi e domande, anche molto specifiche, a cui è importante saper rispondere in maniera corretta.

Un sì che può salvare una vita: è quello che ognuno può dire dando il proprio assenso alla donazione di organi.
Come noto, una legge statale prevede che il consenso (ma anche il diniego) venga dato al momento di rinnovare la carta d’identità. Gli impiegati addetti si trovano quindi spesso a dover rispondere a domande particolari su un tema delicato e complesso come la donazione degli organi.
L’AIDO di Bolzano ha quindi proposto una serie di incontri informativi con gli impiegati degli uffici anagrafe di diversi comuni della Bassa Atesina.
L’iniziativa si è già svolta nel Comune di Bolzano ed ha riscontrato un ottimo successo.
“Le anagrafi sono un fronte importatissimo nella raccolta di iscrizioni e donazione perché avvicinano molta più gente di noi”, ci ha raccontato il presidente di AIDO Bolzano, Gianfranco Maffei. “Durante gli incontri proviamo a dare risposta a quelle domande, anche molto specifiche, che i cittadini rivolgono agli impiegati. Il nostro obiettivo non è convincere a tutti i costi a donare, ma dare risposte corrette.
Spesso sulla donazione ci sono idee viziate da una non corretta conoscenza del problema. Con questa iniziativa vogliamo affrontare, in un clima informale, tutti i dubbi e gli interrogativi, anche quelli che magari una persona si vergogna ad esternare perché teme di sembrare sciocca”, continua Maffei.
E i dubbi non mancano. Molti pensano che si possa donare solo fino ad una certa età, cosa assolutamente non corretta. Ma una delle motivazioni per cui molte persone decidono di non donare gli organi, è la paura della manipolazione del loro corpo. In realtà la procedura non è invasiva come molti si immaginano e viene seguito un protocollo molto rigoroso. Nonostante in Italia ci siano milioni di donatori, solo una minima parte potrà donare.
Per donare occorre infatti che siano soddisfatte determinate condizioni.
Tra le altre grandi paure c’è anche quella, del tutto irrazionale, che i medici possano affrettare la morte se si è donatori. In realtà quella della donazione è una macchina molto complessa che deve avvenire in tempi brevissimi; è un grande lavoro suppletivo per le equipe mediche che agiscono coinvolgendo la polizia stradale e anche l’aeronautica. Maffei ci tiene a sottolineare un ulteriore, importante aspetto: a volte si pensa che non sia possibile donare per motivi religiosi – cosa che però non è corretta e non riguarda in alcun modo le tra grandi religioni monoteiste, cristianesimo, islam ed ebraismo, che sono invece d’accordo con la donazione degli organi.
“Noi siamo abituati a pensare di donare, ma magari siamo noi un giorno ad averne bisogno… ad esempio sono tantissime (per la precisione 8.285 fino al marzo scorso) le persone in dialisi, con problemi di cuore e gli epatici in attesa”.
Per queste persone un semplice “si” può cambiare per sempre la vita, o addirittura fare la differenza tra la vita e la morte.

Autrice: Caterina Longo

Rubriche

Editoriale

Votate!

Vi invito a leggere a pag. 11 il commento scritto da Paolo Valente per la rubrica “Senza Confini”...

Mostra altri
Editoriale
Balconorto

La zucca #1

Prima di fare un focus su una varietà di zucca in particolare alla quale sono molto affezionato, ...

Mostra altri
Balconorto
Senza Confini

L’autonomia degli uni… “SENZA” gli altri

Con una cerimonia al Kurhaus di Merano sono stati ricordati – nella Giornata dell’autonomia del 5...

Mostra altri
Senza Confini
Te Ricordet... Laives

La storia della gallina rapita

La cosiddetta “Dekadenz” viennese, ossia il lento ma inesorabile declino della monarc...

Mostra altri
Te Ricordet... Laives
Libri

Thöni: l’uomo, prima del mito

Gustav Thöni. Dentro e fuoripistaAutore: J. Christian Rainer Presenta molti motivi di interesse l...

Mostra altri
Libri
Monumenti da Riscoprire

A Bolzano il ricordo di Albin Egger-Lienz

Via Egger-Lienz: la via tra il convento Muri-Gries e il Palazzo Ducale, che dal 1880 era denomina...

Mostra altri
Monumenti da Riscoprire
La Scena Musicale

Un pugno di colonne sonore per la Merano Pop Symphony Orc...

A Ferragosto la Merano Pop Symphony Orchestra ha presentato nella sua città d’elezione con un con...

Mostra altri
La Scena Musicale
#qui_foodstories

Pesche e yogurt

INGREDIENTI 250 g yogurt bianco naturale o alla pesca,200 ml panna fresca liquida,700 g pesche,60...

Mostra altri
#qui_foodstories
La satira

Mummie

Più di mille mummie, provenienti da ogni angolo del pianeta e richiamate dal 10° congresso mondia...

Mostra altri
La satira